Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
05-10-2017

Sofferenze Bancarie, da Gennaio ai Veri Valori

La Bce sta chiaramente cercando di liberarsi di una politica monetaria che è sempre più invisa ai Tedeschi e di riportare
il fuoco sulla funzione di vigilanza bancaria.

Come abbiamo avuto modo di esporre in una delle scorse newsletter, la diminuzione delle sofferenze in carico al
sistema bancario è spesso solo il risultato di un mero giro contabile: le sofferenze escono a valore di libro dal
bilancio delle banche e finiscono in veicoli, partecipati dalle stesse banche, che poi li rimpacchettano e tentano di
venderli sul mercato, a prezzi chiaramente inflazionati.

Da gennaio le nuove sofferenze dovranno essere subito svalutate: c'è da immaginare che se ne formeranno 
di nuove se come dice ieri Consob due italiani su cinque hanno problemi di bilancio
 http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-10-04/consob-2-italiani-5-non-risparmiano-problemi-bilancio--121555.shtml?uuid=AEgcZYeC

Consob che peraltro nello stesso documento si affretta a dre che il reeddito disponibile continua ad
Ci sfugge di capire come le due cose siano compatibili, ma sui numeri Consob qualche incertezza deve averla
a giudicare dai buchi di bilancio nelle banche quotate mai rilevati.
 
La unica spiegazione possibile, ammesso che I numeri di Consob siano veri è che la ricchezza si stia polarizzando
a livelli estremi: tre famiglie che aumentano in modo consistente lal loro ricchezza mentre due stannno sulla soglia della povertà.
 
Se fosse così ma propendiamo per l’errore di Consob, non avrebbe senso di parlare di reddito disponibile alle famiglie, si tratterebbe
della classica “media del pollo”.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-12-2017
Le nuove incertezze sul passaggio della riforma fiscale oramai pilotate a creare un effetto sorpresa positivo per questo scorcio d'anno che rimane
14-12-2017
Nei prossimi mesi da preferire le società industriali come Gilead, che detengono grosse liquidità all'estero, mentre lo stesso non vale per i giganti della tecnologia e dei social network. La Fed ieri ne minimizza i possibili effetti sulla crescita, mentre l'inflazione non arriverà mai. Il probabile passaggio della riforma fiscale pur nella sua forma edulcorata elemento di frattura definitiva con la classe media
13-12-2017
Dopo la "cessione" del pacchetto di Unicredit, contestata dalla BCE lo stesso schema non è disponibile a altre banche come mostra stamane il rinvio di Banco-Bpm, tra le grandi la messa peggio insieme a MPS
13-12-2017
Oggi decisione sui tassi in America, Facebook decide di pagare le tasse nei paesi dove viene erogato il servizio, e i Democratici mettono il primo tassello per riconquistare la maggioranza. Tre cose tutte collegate con la probabilità che passi o meno la riforma fiscale. Ci attendiamo di nuovo un dollaro in indebolimento e una borsa molto selettiva sui titoli: i tempi dei grandi rialzi sono probabilmente finiti
12-12-2017
Secondo quanto riporta confusamente la stampa finanziaria, Unicredit dovrebbe scendere al 20% di partecipazione nei diciassette miliardi di sofferenze