Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
18-02-2018

SQM Cede Quota, Ora si Vedrà Quanto Vale il Mercato Dell'Auto Elettrica

Musk come al solito si fa avanti per accedere alle forniture di litio, ma non ha certo i soldi per rilevare la quota (probablmente circa un miliardo di dollari) e il genero di un ex dittatore cileno difficilmente si fa convincere a ricevere azioni di Tesla in cambio, se non a un prezzo di un decimo di quello attuale.
Gli unici che possono rilevarla senza problemi sono i Cinesi, che però controllano già il 50% dell produzione mondiale, quindi diventerebbero quasi monopolisti. Come hanno fatto per i diritti televisivi del calcio italiano (hanno comprato una società spagnola che ha preso i diritti in Italia), arrivano spesso ai loro scopi in modo indiretto. Gli Italiani non gli avrebbero venduto i diritti quindi se li comprano comprando l'azienda che li ha acquisiti. Quando Tencent ha investito in Tesla è molto probabile che lo abbia fatto per eliminarla dal mercato non perché ci crede.
Il titolo SQM a trentasei volte gli utili potrebbe non essere carissimo ma le valutazioni si basano su uno sviluppo del mercato dell'auto elettrica che non ha niente a che fare con la realtà: come da pezzo allegato https://www.ft.com/content/609adb06-0a61-11e8-8eb7-42f857ea9f09  ci sono poco più di un milione di veicoli elettrici alla fine del 2017 mentre Deutsche Bank ipotizza si arrivi a venticinque milioni nel 2025 (se si cerca con SQM nel sito si trova lo studio di DB). E per ora di offerenti non se ne vedono, mentre il prezzo del litio scende.
Il tasso di sviluppo previsto ci sembra demenziale ma se anche fosse Tesla non avrebbe mai la possibilità di arrivare a produrre due milioni di veicoli, diciamo circa il dieci per cento del mercato complessivo.
Viviamo in un contesto di gestori e analisti finanziari che o non sanno fare i conti o sono dalla parte sbagliata (ovvero come nel caso di Fiat Chrysler non lavorano per gli investtori ma per tirare una fregatura agli investitori e beneficiare gli attuali azionisti dei gruppi, che li ricompensano con laute commissioni). 
Se sono i Cinesi a comprare il cinque per cento di SQM, Tesla sI può scordare di fare il suo stabilimento in Cina che era già stato annunciato ma non autorizzato dai Cinesi. I quali probabilmente copriranno la larga parte della produzione di quanto ipotizza Deutsche Bank, solo in veicoli leggeri e piccoli, certo non in autovetture come quelle di Tesla. E lì di litio ne serve meno.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

25-09-2018
Totalmente scontato dal mercato, sulla base dei dati economici un po' superiori alle attese potrebbe essercene ancora un quarto ma difficilmente il dollaro tornerà a rafforzarsi
24-09-2018
Proposta di fusione tra la canadese Barrick Gold e la britannica Randgold in un settore che non vede più investitori
20-09-2018
La Bce rigetta il piano industriale e chiede la fusione. Le cartolarizzazione delle sofferenze non risulta spesso nelle banche in vero sgravio per i bilanci.
19-09-2018
La pressione politica perché l'azienda non riceva particolari sanzioni sarà alta; ma qualche investitore inizierà a chiedersi se le valutazioni delle società high tech sono davvero sensate
13-09-2018
Probabile forte rimbalzo dei mercati asiatici e del comparto di valore della borsa americana, mentre crediamo finita la discesa dei tassi in Italia, dopo una settimana in cui quasi tutti nel governo hanno provato ad abbassare ton delle dispute europee