Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
11-05-2018

Stati Uniti, l'Inflazione Non E' un Problema

In mercati guidati dalla cassa mediatica si tende sempre a reagire eccessivamente a ogni notizia: all'inziio dell'anno l'euro era fortssimo perché uscivano dati economici (vecchi di alcuni mesi) che facevano riempire le testate finanziarie di giudizi entusiastici sulla ripresa europea, poi rivelatasi molto più debole del previsto.
Ora la lettura sull'Inflazione americana si attesta (linea verde del grafico) ancora sotto all'obiettivo della Fed, seppur di poco. In pochi minuti ieri il dollaro ha perso quasi l'uno per cento salvo poi fare un tentativo di recupero nel pomeriggio su ricoperture tecniche, da chi oramai si aspettava una discesa sino a 1,15.
Inoltre Powell ha pù volte charito che se anche la linea verde passasse il due per cento riterrebbero il fenomeno destinato a rientrare.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-02-2019
La lega sta smontando il reddito di cittadinanza ora sulla privacy per sostenere Tav e ennesimo salvataggio Alitalia. Molta sensibilità per le pulsioni elettorali, meno per gli interessi del paese. Borsa italiana che tranne poche eccezioni continuerà a fare peggio delle altre
14-02-2019
Ritorno negativo sul capitale, con il sistema tedesco di partecipazioni banche impresa, i guai di Bayer con Monsanto, la contrazione dell'industria automobilistica, le scorse vicende di Lufthansa, cadono alcune icone storiche dell'investimento "sicuro"
01-02-2019
oggi i dati di occupazione americana potrebbe confermare un marcato rallentamento
31-01-2019
Facebook e Apple ancora superpotenze (ma aziende mature), il Senato Americano contro un altro"shutdown", Stati Uniti e Cina vicini a un accordo ex Huawei, Brexit sepolta e Conte che spera in un secondo trimestre di crescita
24-01-2019
Dichiarazioni di Conte ieri sera dal "circo" di Davos che non possono che allargare il solco coi paesi nordici; e irrigidire la Banca Centrale