Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
09-10-2019

Stati Uniti, Non Si Chiama QE Ma Lo E'

Le recenti crisi di liquidità del sistema finanziario americano sono state tamponate con operazioni a breve, ma il problema è strutturale. Le banche non imprestano a vista temendo che i tassi il giorno dopo siano più alti e questo aggrava crisi di liquidità che da temporanee rischiano di tradursi in permanenti:
Eppure mai nella storia come in settembre le aziende hanno emesso nuovi prestiti obbligazionari, prevalentemente in dollari, per la cifra strabiliante di quattrocento miliardi. 
Powell si è affrettato a sottolineare che le misure che verranno annunciate non sono un nuovo QE, ma la sostanza poco cambia. Il meccanismo moltiplicatore depositi prestiti si è interrotto forse per sempre.
La notizia dovrebbe essere buona per le borse e affondare il dollaro, ma di questi tempi con scenari politici che cambiano ogni giorno è forzoaso fare previsioni.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

01-06-2020
Totale indifferenza alle rivolte di Hong Kong, delle città americane
28-05-2020
Altra giornata folle di borsa ieri con problemi di alcuni broker all'inizio di seduta poi cancellati dalla solita ondata di acquisti
27-05-2020
Goldman Sachs si spinge a dire che l'Italia riceverà centoventi miliardi. E' impossibile ma oramai i mercati sono in balia di banche e media. Stamattina aggiornato e modificato il portafoglio Italia
27-05-2020
Goldman Sachs si spinge a dire che l'Italia riceverà centoventi miliardi. E' impossibile ma oramai i mercati sono in balia di banche e media. Stamattina aggiornato e modificato il portafoglio Italia
25-05-2020
Quattro paesi nordici propongono un altro fondo a debito invece che capitale.