Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
02-06-2017

Tesla e Trump, fine della collaborazione

Da settimane troviamo incredibili le valutazioni di Tesla, ancora salita la scorsa settimana sull'ipotesi che il modello tre vada finalmente in produzione a luglio. Gl analisti di Morgan Stanley prevedono una produzione di due mila esemplari quest'anno (contro i quattrocentomila d cui si vocifera fossero già arrivate prenotazioni) e Goldman Sanch fissa il prezzo obiettivo del titolo a 190, contro 340 di ieri.
L'azienda ha certamente beneficiato enormemente in borsa dell'alleanza di Musk con Trump, che vede nell'industria automobilistica un importante serbatoio di voti. Ma la scelta di eri sull'accordo di Parigi ha obbligato l'imprenditore a ritirarsi dagli impegni con l'amministrazione, che va esattamente nella direzione opposta dei piani un po' fantasiosi di Tesla, sia nel fotovoltaico solare che nelle auto elettriche.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

25-05-2018
Le affermazioni dell'incaricato Presidente del Consiglio e i vincoli (morbidi) di aggiustamento della UE per il 2019 indicano con necessità che nè reddito di cittadinanza, nè flat tax, nè riforma Fornero avranno attuazione almeno sino al 2020. L'Unione passerà alcuni trasferimenti all'Italia come cane da guardia sull'immigrazione, come già fa con la Turchia
24-05-2018
Da verbali della Fed considerazioni molto meno aggressive del previsto. Tassi sul decennale che scendono e dollaro a nostro parere verso indeboilmento
23-05-2018
Dopo le dichiarazioni di Conte c'è da attendersi un governo che non farà nulla ,sul piano economico, di quanto scritto nel contratto di governo
23-05-2018
Imbarazzante mancanza di assunzione di responsabilità da parte del Presidente della Repubblica, non una parola sui programmi
18-05-2018
Il petrolio ha raggiunto prezzi non giustificati dalla domanda, sulle sanzioni all'Irane e quelle possibili che gli Stati Uniti imporrebbero al nuovo governo di Maduro dopo le elzioni di domenica prossima