Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
14-09-2018

Turchia, il Rialzo Non Basta

Rialzo di seicento punti base che non basta a portare la lira turca sotto al livello ritenuto critico da molti analisti per consentire alle banche turche di ripagare i loro debiti in dollari.
Oltre a motivi fondamntali ieri si èmassistito ad uno scontro, che molti analaisti hanno ritenuto falso, tra Erdogan e la banca centrale. Da una parte Erdogan ansioso di dimostrare che non si è in dittatura  dall'altra parte l banchiere centrale, suo parente, che escludendo un intervento del Fondo Monetario ha fatto il minimo sindacale ma il massimo che Erdogan gli concedeva.
A qusto punto è facile che la Turchia piombi n una pesante recessione che renderà la retorica del dittatore turco ancora più infiammata.
I rendimenti sembrano interessanti ma se il dollaro non si svaluta moltissimo oi tassi non scendono in America, e ci sembra improbabile, i tassi devono salire ancora molto per non vedere un uleriore tonfo della divisa.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

30-08-2018
Ieri l'Argentina pressa per l'intervento del Fondo Monetario Internazionale (ottanta miliardi di dollari su seicentocinquanta di dotazione). Ma la preoccupazione del Fondo è per la Turchia, il cui salvataggio stimiamo ammonterebbe ad almeno duecento miliardi. Non vi sono d'altra parte ragioni se non psicologiche. per il forte indebolimento del reais
03-08-2018
Sterlina ai minimi , con segnali di rialzo dei tassi dalla banca d'Inghilterra e maggiore flessibiltà dell'Unione nei rapporti con la Gran Bretagna
27-07-2018
Enorme rimbalzo del cambio, soprattutto negli ultimi giorni
20-07-2018
Dai due anni ai dieci pochi centesimi di differenza. Mentre Bernanke dice che una eventuale inversione della curva non prevede recessione
31-05-2018
Ieri piazzato in asta il Btp quinquennale al 2,32%. Sintanto che i rendimenti sono superiori a quelli dei titoli di stato americani, può essere occasione di acquisto. L'elemento di rischio maggiore ora un governo che con l'appoggio della Meloni diventerebbe molto più reazionario di quanto i risultati elettorali avevano fatto immaginare.