Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
30-10-2018

Ue, Passo Indietro con Londra sulle Istituzioni Finanziarie

Ieri la Ue chiede nuovamente accesso ai sistemi di compensazione a Londra: trasferire l'amministrazione di transazioni finanziarie che valgono centinaia dimiliardi di dollari in area euro non è banale e in un momento in cui diverse banche dell'area euro sono in crisi di liquidità, qusto prossimo fine settimana laverifica sui requisiti di capitale si preferisce tornare a un sstema dove la Banca d'Inghilterra gode di una capacità di intervento più immediata.
Il tutto nell'ipotesi sempre più probabile che non venga raggiunto un accordo sulla "Brexit", ammesso che qualcuno lo voglia. Con il graduale abbandono della Merkel dalla politica (molto dignitoso e con piena assunzione di responsabilità) il potere negoziale di Bruxelles è decisamente fiaccato.
Sterlina d nuovo ai minimi e quotazioni stracciate su alcuni valori creano davvero ottime opportunità di acquisto in Gran Bretgana, primo paese a considerare una tassazione significativa sui giganti della tecnologia.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

13-11-2018
Nella proposta di Barnier alla Gran Bretagna c'è di tutto, comprese richieste ambientali. Per l'Italia da oggi, giorno della risposta avvolta nel mistero, al ventuno per sapere se verrà attivata la procedura di infrazione. Che sarebbe a questo punto un bene
12-11-2018
Contributo "volontario" delle banche per una obbligazione che dovrebbe essere rimborsata a breve. Unicredit fece lo stesso con Popolare Vicentina, tranne poi ritirarsi. Una ragione in più per uscire con una proposta sensata entro domani nei confronti della UE
09-11-2018
La durezza dei giudizi espressi dalla Commissione sulle prospettive di crescita dell'Italia e della Gran Bretagna totalmente ignorata dai mercati, nell'era della manipolazione. Se le intenzioni di Bruxelles sono serie saranno le grandi banche italiane, da Intesa a Unicredit ad andare sotto pressione
08-11-2018
Sterlina che si rafforza nell'aspettativa di un accordo già nella giornata d oggi. Crediamo nessuna delle parti abbia interesse a raggiungerlo
07-11-2018
I Repubblicani ora non possono proprio fare a meno del Presidente