Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
26-12-2006

2007, l'anno del Giappone

I dati diffusi stanotte sui prezzi al consumo per Novembre in Giappone (che non chiude per il Natale), +0,2% su base annua ma con il mese stagionalmente peggiore dell''anno, indicano a nostro parere che il paese è definitivamente fuori dalla deflazione e che nonostante i consumi siano ancora ridotti, la Banca del Giappone avrà buoni argomenti per aumentare diverese volte i tassi nel 2007.
Da un lato i sindacati, giustamente, rivendicano aumenti salariali in un contesto in cui soprattutto le aziende esportatrici hanno fatto, a cuasa del cambio dello yen incredibilmente basso, profitti stellari che ad oggi non si sono riflessi in maggior potere d''acquisto per i lavoratori. Dall''altro il mercato immobiliare, spinto dal forte indebitamento a tassi vicino allo zero, sta oramai a livelli di soglia. Ci aspettiamo quindi utili straordinari per gli esportatori (Sony, Toyota, che ha dichiarato che prevede di sorpassare General Motors per vendite negli Stati Uniti nel corso del 2007) e succesivamente per le aziende legate al consumo (Seven & I, ma anche Mitsubishi corp.).
Nel corso del 2007 ci aspettiamo quindi forte rivalutazione della divisa (oggi compressa da operazioni speculative di Carry trade, si veda il glossario) unita ad un mercato azionario brillante. Storicamente, rivalutazione della divisa e crescita del mercato azionario sono fortemente correlati in quel paese. La combinazione dei due effetti porterà a nostro parere profitti per gli investitori ampiamente nell''ambito delle due cifre percentuali.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

16-04-2021
Diciotto pe cento il dato annualizzato per il primo trimestre. I produttori di piccole auto elettiche molto più interessanti di Tesla. Cambi al portafoglio mercati emergenti tutti sulla Cina
14-04-2021
Bitcoin e Tesla oramai specchio di mercati, che dopo una breve pausa, tornano a sragionare, guidati dalla immensa liquidità fonita dalla Fed.
13-04-2021
In questo mese duecentosettanta miliardi di dollari di emissioni e asta di ieri molto debole. Probabile un ulteriore rialzo dei tassi e non a causa dell'inflazione
08-04-2021
Larghe fluttuazioni del dollaro su messaggi che da una parte cercano di spingere il piano di spesa di Biden, dall'altra di non far salire i tassi. La borsa americana sembra ancora di gran lunga la più interessante, i rischi di riscaldamento dell'economia nulli o quasi. Interessanti valori nel settore delle batterie, idee al portafoglio Stati Uniti
06-04-2021
Ieri la banca centrale americana sfrutta la giornata di chiusura delle borse europee per vendere massicciamente dollari; questa amministrazione non è diversa da quella prima. Dove ancora un pò di valore