News


22-08-2016
Se ne accorgono anche gli stranieri http://www.bloomberg.com/news/articles/2016-08-21/mission-impossible-looming-for-italy-s-2016-economic-growth-goal che le possibilità italiane di tornare alla crescita sono davvero limitatissime.
19-08-2016
i tagli sulle tasse si ottengono con un taglio del costo della politica, non con maggiore debito. Ma anche Roma si dota di una giunta costosissima, purtroppo gli intrecci della politica sono talmente trasversali che toccano qualsiasi forza al governo, locale o nazionale. Se la flessibilità va ad alimentare un carrozzone politico che non ha intenzione di ridimensionarsi è come fare debiti per buttare nel lavadino i soldi ricavati.
19-08-2016
La velocità delle indagni su Profumo e Viola misura dell'appoggio politico e del ruolo della magistratura
19-08-2016
Williams di Fed parla in tarda serata dei rischi di attendere oltre su un rialzo dei tassi. Dollaro da comprare e petroliferi da vendere
18-08-2016
Nel gigantesco programma di QE giapponese le banche stanno rimanendo a corto di obbligazioni da rivendere alla Boj. Gli interventi sul cambio durano poco ma probabilmente la Boj sarà costretto a effettuarne uno al più presto.
18-08-2016
Ora sono le compagnie di assicurazione a rifiutare i contratti con i più poveri in una riforma dai risvolti ipocriti. Settore della sanità che in Italia vedrà ulteriori tagli significativi. Il tentativo di Renzi di negoziare altra flessibilità con un sostegno ad una uscita morbida della Gran Bretagna (che fa comodo alla Germania non alla Gran Bretagna), in presenza di crescita zero di cui i telegiornali della Rai si "dimenticano" di parlare.
18-08-2016
La tesi sostenuta da Stiglitz, uno dei pochi economisti intellettualmente onesti, può trovare alternative solo in una svendita massiva di industrie e infrastruttre italiane agli stranieri. L'eventuale successo del referendum ne pone le condizioni. Con una Fed tentennante l'euro continuerà a rimanere forte, con danno sostanziale per paesi come l'Italia. Borsa sempre meno attraente.
17-08-2016
La Fed è costretta stasera ad essere percepita come guidata da un atteggiamento più restrittivo, per la corsa dell'euro e dello yen e delle borse a livello di bolla.
17-08-2016
Tasso d'inflazione al rialzo (soprattutto per effetto della svalutazione della sterlina) e tasso di disoccupazione in discesa. Svalutazione competittiva che se usata bene e per poco ha buone probabilità di mettere la Gran bretagna in cima alla crescita dei paesi occidentali
16-08-2016
Per ogni miliardo d Pil in più ne produciamo quasi dieci tra debito pregresso e interessi. Se non si lasciano fallire gli istituti deboli e non si procede a una spending review da decine di miliardi l'Italia continuerà a vedere il proprio potenziale di crescita asciugato da banche fallite e politica mercenaria. Il caso emblematico del capo di gabnetto del Comune di Roma.
16-08-2016
Mai Posizione più in Ipervenduto. Mentre si leggono solo notizie negative sulla Brexit, il cambio è ai minimi storici e la borsa vola.
12-08-2016
Ora il dato che proviene dall'Istat, con responsabili dell'istituto di nomina governativa, mostra una crescita dello 0,7% per l'anno, contro una previsione del 1,2% del governo. Ma perché le stime governative sono sempre smentite al ribasso?
12-08-2016
Da oggi attivabili in Italia ma nessuno dei portafogl che dovrebbero essere cartolarizzati, da Unicredit, a MPS, a Carige a Banco Popolare potrebbe usare questa garanzia
10-08-2016
Cominciano le pressioni all'industria del risparmio gestito per mettere soldi nelle banche. Stare lontani da fondi che investono in Italia, in obbligazioni ibride, in monetario. Le dimensioni di un intervento di vero salvataggio non sono i pochi miliardi di cui parla l'intervista ma molte decine.
10-08-2016
Scarsa propensione degli investitori a consegnare titoli alla Banca d'Inghilterra con il nuovo programma di stimoli monetari crea scarsezza della divisa.
09-08-2016
Il rating a lungo termine confermato a B- da Fitch ieri per MPS spiega perchè è impossibile cartolarizzare sotto garanzia GACS le sofferenze dell'istituto nonostante Atlante dirotti circa un milione di euro (nessuna informazione su da chi arrivano gli altri soldi) alla tranche spazzatura. Media sempre meno trasparenti nei confronti dei risparmiatori.
08-08-2016
Sale la tensione in Turchia, di cui media oramai unicolore non parlano più. Possibile fiammata del petrolio, in questo comparto concentreremmo eventuali interessi. A maggior ragione fuori dalle banche, su questi rimbalzi temporanei, in particolare da Unicredit, Popolare e Monte Paschi
05-08-2016
Il risparmio italiano non è sicuro perchè il fondo di garanzia non esiste (ovvero non ha soldi in cassa neanche per i correntisti sotto i cento mila euro, al link il bilancio che lo mostra chiaramente) e la crescita economica futura non c'entra niente con le sofferenze accumulate (e poco anche quella passata). Fonchè non si fa chiarezza su questi elementi la crisi di sfiducia non può che peggiorare
04-08-2016
Cosa cambia per le borse con l'inaugurazione da parte del Giappone di un tentativo di compensare i fallimenti delle politiche monetarie con stimoli fiscali. Il cambio richiede, con nazioni molto indebitate, pesante lotta contro la corruzione e dove possibile una spending review draconiana. Italia sicuramente non in prima fila su entrambe i fronti, come testimonia ieri il rapporto BCE e il rifiuto dei parlamentari di autoridursi gli stipendi. In Italia si può solo investire (non speculare) su aziende a capitale privato, con primati di conoscenza e nessuna dipendenza dalle banche o dalla politica. Qualche idea dopo i recenti ribassi.
03-08-2016
Evidentemente convinti che la non applicabilità del bail-in li ripari dai rischi. Utile lordo a +29% per effetto della vendita della quota in Visa Europe e al netto di poste straordinarie +4%. Polizze assicurative, l'area più pericolosa per i risparmiatori (reditività prima delle imposte di circa il tre per cento per Poste, impossibile che il risparmiatore guadagni), a undici miliardi. Sarà proprio da Poste Vita che verrà il contributo per Atlante. Sospetto il decremento di 1,6 miliardi della posizione finanziaria dovuto in larga parte all'adeguamento del "fair value" degli strumenti finanziari in portafoglio, circa 150 miiardi, che fa pensare all'uso di derivati forse a copertura del contenuto delle le polizze.
02-08-2016
Le banche che garantirebbero pretendono prima lo smaltimento delle sofferenze, ma non c'è un mercato per quelle oggi coperte dal prestito ponte, a meno che le agenzie di rating dichiarino il falso. Siamo al Far West, meglio guardare fuori dall'Italia (tutti i portafogli sono aggiornati a ieri, meno l'Italia che aggiorneremo in mattinata)
01-08-2016
Piuttosto moderata la reazione agli stress test farsa. Il "piano" su MPS (tutto sulla carta, sino a dicembre non entrerebbe una lira)se implementato dovrà contare sul contributo "volontario" dell'industria del risparmio gestito. Il mercato sembra aver capito che il prossimo aumento dovrà venire da Unicredit.
30-07-2016
Si parte dal risultato voluto per ottenere i numeri. Fuori Portogallo e Grecia, nello scenario avverso vengono anche esclusi tassi negativi, già presenti in più di metà dell' Eurozona e effetti della Brexit. Spiace i responsabili del Fondo Atlante si siano piegati come sembra a valutazioni false per le sofferenze di MPS. Dopo qualche giorno la pressione si sposterà su Unicredit, quart'ultima nei test e sulle banche escluse dai test, Carige, Bper e in caso di fusione con Banco Popolare, BPM. Particolarmente ingannevoli le stime usate sull'Italia.
29-07-2016
Sembra una barzelletta ma è lo stesso banchiere che consigliò MPS per l'acquisto di Antonveneta, ora alleato di Passera. Gli stress test saranno pubblicati stasera a mercati chiusi, non un gran buon segno. Oggi ultimo giorno per Atlante per presentare una proposta sui crediti in sofferenza del sistema. Situazione gravissima ma per niente seria
28-07-2016
Il titolo è a nostro parere insieme a quello di banco Popolare il più a rischio del listino. Dopo l'acquisto di Innterbanca Banca Ifis unica banca italiana con una strategia chiara, anche se l'acquisizione ci sembra cara
[«] [<] 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 [>] [»]