Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
23-11-2005

Accor

Accor è la principale catena alberghiera francese, con marchi che operano in segmenti diversi del mercato (Sofitel, Novotels, Mercure, Ibis..), dal lusso al medio.
Recentemente il nipote del fondatore è stato messo alla guida del gruppo, che ancora oggi sconta una rilevante influenza della famiglia. La mossa non è stata gradita dal mercato, anche se il nuovo numero uno a credenziali importanti nel campo della distribuzione. La strategia di espansione punta sulle principali piazze europee, in particolare Londra, e sulla Cina. Il gruppo ha una sua importante politica di sostenibilità tra le linee guida del management. Il titolo è incluso in tutti i più importanti indici di sostenibilità. Seguono le principali stime in Milioni di Euro per il 2005:

Fatturato: 7.500
EBIT 1.200
Utile netto 450
Price earnings 18
Dividend Yield 2,4%


Il titolo non è caro ai livelli attuali di poco più di 45 Euro, ma data la performance messa a segno dall'inizio dell'anno, esprimiamo un giudizio neutro sul suo futuro corso.


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

19-02-2021
Tra pochi titoli interessanti sul piano fondamentale del mercato americano, dopo risultati buoni e previsione di scenari non entusiastici. Mai come ora i portafogli di questo sito riflettono il poco valore fondamentale rimasto nei mercati; crediamo terrranno certamente molto meglio di quelli costruiti sulla base della moda delle nuove tecnologie.
09-07-2020
In cerca di possibili idee di investimento in un mercato dove non toccheremmo quasi nulla, ci sembra una delle poche cose guardabili
17-04-2020
Sulla possibile scoperta di un farmaco
14-04-2020
Ora i mercati sono più cari di prima del virus, considerando quelli che saranno i risultati delle aziende. La liquidità come sempre invece che finire sulla economia reale finisce in borsa. Ci attendiamo una altra pesantissima correzione
06-04-2020
La attività creditizia prevista dal piano da duecento miliardi è a garanzia statale e non creerà NPL, almeno per i prossimi cinque anni