Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
08-06-2017

Bce, Elezioni Britanniche, Comey, Cambi sull'Ottovolante

Ci attendiamo una giornata di enorme volatilità sui cambi, se conseguenze ci saranno sulle borse sarà solo nel caso in cui la testimonianza del capo dell'FBI aumenti le probabilità di "impeachment" del presidente americano.
Ieri circolava voce che nel comunicato che verrà letto oggi da Draghi sarebbero abbassate di molto le stime di Inflazione per l'area euro, come conseguenza del ribasso dei prezzi del petrolio. E' probabile che qualcosa del genere accada: va ricordato che per la Bce l'unico obiettivo da statuto è quello di tenere l'Inflazione a un livello stabile intorno al due per cento e non come invece succede con la Fed di sostenere la crescita economica.
Per questo motivo riteniamo invece difficile che il programma di QE venga esteso al 2018, come invece si augurano in molti. L'Inflazione da materie prime non ha niente a che fare con gli stimoli monetari e Draghi ha gli occhi dei Tedeschi puntati su di lui, in clima preelettorale.
Ci aspetteremmo quindi un indebolimento dell'euro ma nessun appiglio ai mercati azionari.
Si sarà notato che l'euro tende ad essere indebolito durante la mattina e poi ad essere ricomprato nel pomeriggio da operatori di oltre oceano. Gli Americani vogliono un dollaro debole  e potremmo di nuovo vedere l'euro rafforzarsi in serata soprattutto se l'ex direttore di FBI porterà evidenza dei presunti tentativi di Trump di rallentare i processi investigativi..
Daremmo per quasi scontata la vittoria della May alle elezioni, anche se da qualche giorno le banche di investimento confezionano strane teorie per cui in caso di  vittoria comunque la May verrebbe isolata politicamente. Crediamo assisteremo ad un nuovo rafforzamento della sterlina a partire da domani.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

23-11-2017
Aumento dei tassi quasi certo a dicembre, scadenza di debito a breve da rinnovare, rimozione degli stimoli Fed. Molti elementi perché la divisa americana possa apprezzarsi parecchio da qui al fine anno e perché le borse vedano una correzione, anche se l'analisi tecnica dice esattamente il contrario.
20-11-2017
FDP fuori dalle discussioni, o Schultz ci ripensa o forte spostamento a destra. Euro che potrebbe indebolirsi molto soprattutto contro le divise nord europee
15-11-2017
Facciamo un'enorme fatica a riconciliare i dati Istat sul Pil con quelli di produzione industriale e di consumo energetico. Immancabilmente quando le cose si mettono male in borsa arrivano dati miracolosi. Ed è difficile immaginare cosa fermerà la caduta delle banche in borsa: se va tutto bene è il momento giusto per iniziare a ridurre le sofferenze e la Bce è probabile che mantenga fermi gli intenti.
10-11-2017
L'ultima dei Repubblicani prevederebbe la tassazione dei beni immateriali per società del comparto tecnologico e farmaceutico per evitare che portino la loro sede altrove. Dal tentativo di riportare a casa i grandi gruppi si passa allo sforzo di non fare scappare i rimasti. Dollaro che potrebbe tornare a rafforzarsi
07-11-2017
Le posizioni in divise estere della banca centrale svizzera sono il 115% del Pil del paese. Prima o poi assisteremo a una rivalutazione enorme del franco svizzero