Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
25-10-2013

Credito, diciassettesimo mese consecutivo di caduta in area euro, senza interventi della Bce l'euro può ancora rafforzarsi


Meno cinque per cento la creazione di nuovo credito in Italia a settembre e addirittura -19% in Spagna (che invece oggi comunica dati di ripresa, non si sa bene come riconciiliare le due statistiche). La cosa più grave e che nonostante M1, la moneta "stampata" dalla BCE sia vicina ai massimi storici per le operazioni LTRO, M3 che include i depositi crolla verticalmente, segno appunto che stampare moneta non serve a farla arrivare al sistema produttivo. In più il tasso di cambio sale nonostante come dal grafico qui sopra riportato (fonte Alphaville) emerga che la detenzione di attività non in euro delle banche dell'area  stia crescendo vertiginosamente (il che vuol dire che le banche europee hanno preferito impiegare liquidità altrove, sui mercati finanziari): questo dato è preoccupante perchè in teoria se le banche iniziano a rimpatriare liquidità per abbassare i rischi, l'euro potrebbe ancora salire (600 miliardi di equivalente euro non sono poca cosa). Nessuno in Europa si lamenta del cambio (rara eccezione stamane il ministro dell'industria francese) perchè sarebbe come ammettere che la spinta sui prezzi dei corsi cui si è assistito nei due mesi scorsi è ingiustificata (e in effetti lo è). Curioso che mentre i flussi rivenienti da Stati Uniti e Giappone si sono riversati in parte in Europa, gli Europei portino sempre più soldi fuori. Almeno le altre banche centrali riescono nel risultato di indebolire il cambio. Qui non si fa credito e l'euro è ai massimi da molti anni.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

08-05-2018
Senza un indebolimento del dollaro la crisi può dilagare su molte divise emergenti
02-05-2018
La scarsa liquidità di ieri ha portato a livelli che crediamo non siano sostenibili. Forse già la Fed stasera a indebolire la divisa americana con nessuna novità sul fronte dei tassi
27-04-2018
Da oggi pomeriggio presumiamo interventi da parte degli Americani
20-04-2018
Tassi verso il tre per cento di nuovo sul decennale e dati molto deboli dall'Europa
13-04-2018
Ieri le preoccupazioni di esponenti della Bce sull'euro forte hanno avuto, come al solito effetto moderatamente contrario, area euro senza leadership e fuori dai grandi giochi