Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
06-09-2016

Dollaro, Possibile Forte Indebolimento Contro Euro

In questi giorni tutti, ma proprio tutti i cambisti invocano il differenziale dei rendimenti sui titoli di stato come ragione sufficiente per un ulteriore apprezzamento del dollaro.
Stamattina escono i dati sulla manifattura tedesca, in recupero, che danno un quadro chiaro di come l'idea di Stiglitz di avere un euro per i paesi forti e uno per i paesi deboli sarebbe sensata: diminuisce in Germania la domanda interna ma cresce prepotentemente l'acquisto di beni da parte dell'estero: segno che questo euro per la Germania è probabilmente troppo debole.
I tedeschi sono terrorizzati dall'Inflazione, la repubblica di Weimar è una cosa che ancora si insegna a scuola, dunque vedrebbero con favore un euro più forte. Gli Stati Uniti non chiedono di meglio e di altri attori che contino al tavolo delle negoziazioni, ora che gli accordi bilaterali sono in forte discussione, non ce ne sono, compresi i Francesi.
Non ci stupiremmo di vedere sul fine anno un cambio euro dollaro sopra 1,15. Come sempre chi perde sono le economie mediterranee, per cui crediamo che le stime Istat, stagnazione anche nel terzo trimestre, siano ragionevoli.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

12-04-2019
La estradizione di Assange aumenterà enormemente la popolarità del presidente, Fed sempre più accomodante e dollaro decisamente giù
11-04-2019
Molto più diplomatiche le dichiarazioni di Powell, e forse è un peccato
22-03-2019
Stupisce sempre la reazione ai dati, stamane l'indebolimento dell'euro a dati che se si ragiona con la propria testa invece che leggere i giornali sono sotto gli occhi di tutti. Ora cambio al ribasso la mattina e al rialzo il pomeriggio
21-03-2019
Tutto ora gioca a favore di una forte rivalutazione dell'euro contro dollaro
20-03-2019
Dati un po' migliori dalla Germania e probabile rallentamento nelle aspettative sugli Stati Uniti