Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
02-11-2016

Dollaro, Possibile Oggi Ben Sopra 1,11

Tutto il mercato degli istituzionali continua a sostenere un forte rafforzamento del dollaro ma i motivi più o meno spendibili che provano a giustificare la tesu stanno un po' tutti svanendo: in Giappone se Abe non caccia Kuroda è quasi impossibile che la politica monetaria diventi ancora più accomodante. Lo stesso vale in Europa dove con gli aumenti di capitale alle porte, non solo in italia e la esigenza di piazzarli nei portafogli dei privati in modo più o mneo nascosto, i bilanci delle banche devono mostrare qualche segno di maggiore redditività invece che essere giocati solo sul piano di accantonamenti più o meno credibili: se i tassi scendono ancora i bilanci delle banche non possono che peggiorare.
Crediamo dunque che i messaggi della Yellen stasera saranno verosimilmente accomodanti, il che depone a favore di un ulteriore indebolimento del dollaro: gli Stati Uniti non possono alzare i tassi se prima Europei e Giapponesi non dichiarino esplicitamente di smettere di tagliarli.
Se poi le vicende sul candidato democratico americano alla presidenza non si chiariscono prima delle elezioni potremmo davvero vedere una forte impennata del cambio euro dollaro. Altra ragione per cui forse sulla borsa americana si può comprare meglio tra un po' di tempo.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

26-10-2018
Dai numeri di Amazon alla richiesta di nuovi permessi abitativi. Con Draghi già in pensione, oggi il governo italiano dovrebbe dare qualche segnale di buonsenso, se si vuole evitare una nuova valanga di vendite sui titoli di stato a partire da lunedì prossimo
10-10-2018
Il segretario del Tesoro americano mette in guardia la Cina sulla debolezza dello yuan: è l'unica cosa su cui i Cinesi possono cedere se il Tesoro fa marcia indietro sui dazi
21-09-2018
Di colpo i cambisti si accorgono che il differenziale di tassi tra tassi Usa e tedeschi è di 2,6 punti percentuale ora tutti scommettono sul suo restringimento. Come sempre la Fed più abile della Bce a indirizzare il cambio
10-09-2018
Barnier avrebbe, secondo ill Financial Times, mandato per chiudere con la UE
29-08-2018
Meno tre per cento in una settimana contro euro, sul nulla di una Brexit che non avverrà mai