Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
22-05-2017

Dollaro, Probabile Forte Rimbalzo a Breve

Le cifre variano a seconda di chi si ascolta ma si parla di un totale di contratti tra i trecento e i trecentocinquanta miliardi di dollari siglati tra Arabia Saudita, ansiosa di ritornare a rapporti commerciali e gli Stati Uniti dopo gli anni in cui Obama aveva allentato i rapporti con gli emirati.
Al seguito di Trump i vertici di Lockheed Martin, General Electric, Honeywell, delle compagnie petrolifere. 
Si rafforza la posizione di Trump nonostante tutte le difficoltà interne. Vendere contemporaneamente armi ai migliori amici e ai peggiori nemici del califfato, ieri toni molto più concilianti verso l'Iran riformatore di Rouani,  non è esattamente il miglior modo per ristabilre equilibri sostenibili in medio oriente, ma è probabile che ora le grandi aziende che sono sempre le principali finanziatrici delle campagne poltiche spingeranno il senato a un atteggiamento meno aggressivo nei confronti della amministrazione americana.
Ci aspetteremmo una settimana di forte rimbalzo sul dollaro.  
Di grande interesse questa settimana il colloquio tra papa Francesco e Trump, anche per le sorti politiche del presidente.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

17-01-2018
La consueta farsa della chiusura dei cordoni della borsa ("budget shutdown") si dovrebbe chiudere entro domani con una estensione da parte del Senato americano
12-01-2018
Chiarissima sudditanza della Bce ai Tedeschi che oggi arrivano a una intesa sul governo
09-01-2018
La Banca del Giappone diminuisce marginalmente il programma di acquisto titoli mentre i tassi in America superano il 2,5% sul decennale. Contro euro il potenziale di rivalutazione è enorme
19-12-2017
Rispetto al differenziale dei tassi, circa un punto di maggior costo, a indicare una enorme domanda di dollari
23-11-2017
Aumento dei tassi quasi certo a dicembre, scadenza di debito a breve da rinnovare, rimozione degli stimoli Fed. Molti elementi perché la divisa americana possa apprezzarsi parecchio da qui al fine anno e perché le borse vedano una correzione, anche se l'analisi tecnica dice esattamente il contrario.