Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
23-11-2017

Dollaro, Spazio Per una Forte Rivalutazione sul Fine Anno

Dollaro che si indebolisce ieri sui verbali della Fed che mostrano come al solito pareri opposti sulla ripresa dell'Inflazione. Riteniamo come sempre che soprattutto escludendo il costo dell'energia e dell'alimentare, l'evoluzione tecnologica e la conseguente perdita di posti di lavoro strutturale pongano un limite alla ripresa dei prezzi da domanda più basso di quello storico, come mostra questa tabella http://www.usinflationcalculator.com/inflation/historical-inflation-rates/
Se così è la discussione è piuttosto sterile e indica semplicemente la volontà dell'amministrazione americana, di cui purtroppo la Fed sembra sempre più alle dipendenze di tenere basso il dollaro.
Vi sono però elementi forti per ritenere che la domanda di dollari aumenterà  nei prossimi mesi, ben riassunti in questo articolo https://www.bloomberg.com/view/articles/2017-11-22/dollar-hoarding-is-a-year-end-risk-for-markets. in particolare nel secondo grafco, le scadenze di debito a breve, molto alte nel 2018, circa millecinquecento triliardi di dollari. E la Fed non sarà li a comprarsele tutte come in passato, dunque bisogna avere i dollari epr rifinanziarle.
Secondo elemento cui crediamo poco ma potrebbe veder comunque le aziende coprirsi in via cautelativa, la controriforma fiscale di Trump, che creerebbe nuovo debito: l'articolo stima per altri millecinquecentomiliardi di dollari nel prossimo decennio (ma probabilmente molto di più nei primi anni). Altro debito da finanziare, altri investitori cinesi e giapponesi che invogliati dal buon rendimento sottoscrivono ancora debito dello stato americano.
In sintesi, la domanda di dollari aumenterà perché le scadenze di debito americano da rifinanziare aumenteranno: alzare i tassi a dicembre sembra dunque molto sensato, per attrarre nuovi investitori sul debito americano che per una ragione o per l'altra crescerà nei prossimi anni a ritmi superiori al passato.
Stamattina i dati di produzione in area euro, dove Draghi stimava nell'ultima conferenza stampa in discesa sul fine anno  l'Inflazione (in Europa viene calcolata al lordo del prezzo di materie prime e alimentari, a differenza che in America). Poi i verbali dell'ultima riunione della BCE.
La Bce stamattina ha un'occasione unica, con il mercato americano chiuso per Thanksgiving, di provare a indebolire l'euro.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

31-07-2018
Sicuramente la Banca del Giappone ha fatto il minimo che poteva fare senza perdere la faccia ma vi sono tutte le premesse per un fortissimo indebolimento del dollro, un po' contro tutte le divise
30-07-2018
Stasera la banca del Giappone sotto pressione per rimuovere la politica di sterilizzazione sul decennale. Se così fosse grosse rivalutazioni dello yen e dell'euro su dollaro sarebbero quasi scontate
08-05-2018
Senza un indebolimento del dollaro la crisi può dilagare su molte divise emergenti
02-05-2018
La scarsa liquidità di ieri ha portato a livelli che crediamo non siano sostenibili. Forse già la Fed stasera a indebolire la divisa americana con nessuna novità sul fronte dei tassi
27-04-2018
Da oggi pomeriggio presumiamo interventi da parte degli Americani