Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
19-06-2013

Euro, Nelle Mani della Fed

La correlazione storica tra cambio euro dollaro e mercati, di solito il dollaro si rafforza con mercati che scendono è completamente saltata nelle ultime settimane. Non funziona nessuna delle spiegazioni relative al comportamento opaco della Fed. I tassi reali sono risaliti negli Stati Uniti eppure il dollaro scende, i programmi di immissione di moneta potrebbero essere ridimensionati eppure il dollaro scende.
In realtà il dollaro ha comportamenti molto diversi sui vari cross; è molto salito su australiano, reais neozelandese è molto sceso su euro e yen. Per lo yen si tratta di un brusco ritorno alla realtà nonostante i migliori dati diffusi sulle esportazioni la notte scorsa il cambio si muove pochissimo: le aspettative inflazionistiche implicite nella curva dei tassi sono dell'ordine del 1% contro il 2% desiderato dal governo giapponese.
Contro euro, manca completamente fiducia sulle intenzioni della banca centrale: ieri Draghi ha di fatto aperto a tassi negativi ma con un tutta una serie di caveat che fanno concludere al mercato che nonostante la situazione economica disastrosa nessuno crede davvero che la Bce farà qualcosa.
A logica un miglioramento delle previsioni economiche, se così fosse, stasera, della Fed, dovrebbe portare ad un rafforzamento del dollaro, perchè il tasso a cui la moneta viene introdotta nel sistema potrebbe rallentare, in quel caso gli operatori speculerebbero su "tagli" a partire dal prossimo ottobre. Improbabile che la Fed sia pronta a prendersi il Rischio di quanto potrebbe capitare di conseguenza sui mercati, soprattutto dopo le dichiarazioni di Obama di ieri su Bernanke.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

10-10-2018
Il segretario del Tesoro americano mette in guardia la Cina sulla debolezza dello yuan: è l'unica cosa su cui i Cinesi possono cedere se il Tesoro fa marcia indietro sui dazi
21-09-2018
Di colpo i cambisti si accorgono che il differenziale di tassi tra tassi Usa e tedeschi è di 2,6 punti percentuale ora tutti scommettono sul suo restringimento. Come sempre la Fed più abile della Bce a indirizzare il cambio
10-09-2018
Barnier avrebbe, secondo ill Financial Times, mandato per chiudere con la UE
29-08-2018
Meno tre per cento in una settimana contro euro, sul nulla di una Brexit che non avverrà mai
23-08-2018
Decisamente verso un nuovo indebolimento del dollaro