Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
19-06-2013

Euro, Nelle Mani della Fed

La correlazione storica tra cambio euro dollaro e mercati, di solito il dollaro si rafforza con mercati che scendono è completamente saltata nelle ultime settimane. Non funziona nessuna delle spiegazioni relative al comportamento opaco della Fed. I tassi reali sono risaliti negli Stati Uniti eppure il dollaro scende, i programmi di immissione di moneta potrebbero essere ridimensionati eppure il dollaro scende.
In realtà il dollaro ha comportamenti molto diversi sui vari cross; è molto salito su australiano, reais neozelandese è molto sceso su euro e yen. Per lo yen si tratta di un brusco ritorno alla realtà nonostante i migliori dati diffusi sulle esportazioni la notte scorsa il cambio si muove pochissimo: le aspettative inflazionistiche implicite nella curva dei tassi sono dell'ordine del 1% contro il 2% desiderato dal governo giapponese.
Contro euro, manca completamente fiducia sulle intenzioni della banca centrale: ieri Draghi ha di fatto aperto a tassi negativi ma con un tutta una serie di caveat che fanno concludere al mercato che nonostante la situazione economica disastrosa nessuno crede davvero che la Bce farà qualcosa.
A logica un miglioramento delle previsioni economiche, se così fosse, stasera, della Fed, dovrebbe portare ad un rafforzamento del dollaro, perchè il tasso a cui la moneta viene introdotta nel sistema potrebbe rallentare, in quel caso gli operatori speculerebbero su "tagli" a partire dal prossimo ottobre. Improbabile che la Fed sia pronta a prendersi il Rischio di quanto potrebbe capitare di conseguenza sui mercati, soprattutto dopo le dichiarazioni di Obama di ieri su Bernanke.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

31-07-2018
Sicuramente la Banca del Giappone ha fatto il minimo che poteva fare senza perdere la faccia ma vi sono tutte le premesse per un fortissimo indebolimento del dollro, un po' contro tutte le divise
30-07-2018
Stasera la banca del Giappone sotto pressione per rimuovere la politica di sterilizzazione sul decennale. Se così fosse grosse rivalutazioni dello yen e dell'euro su dollaro sarebbero quasi scontate
08-05-2018
Senza un indebolimento del dollaro la crisi può dilagare su molte divise emergenti
02-05-2018
La scarsa liquidità di ieri ha portato a livelli che crediamo non siano sostenibili. Forse già la Fed stasera a indebolire la divisa americana con nessuna novità sul fronte dei tassi
27-04-2018
Da oggi pomeriggio presumiamo interventi da parte degli Americani