Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
29-07-2013

Euro/Dollaro, Corsa Verso la Fine


Con i dati sul manifatturiero della scorsa settimana i cambisti hanno concluso che la Bce non farà assolutamente nulla durante la riunione di giovedi'. Il miglioramento presunto è basato su dati preliminiari e contrasta con i dati di occupazione, soprattutto in Francia. D'altra parte Draghi è stato più volte smentito da esponenti filotedeschi del suo direttivo tutte le volte che ha aperto a tassi di interesse negativi, ciò che il mese scorso consentì una caduta dell'euro contro dollaro di circa il tre per cento in poche sedute. Successivamente arrivarono le confuse dichiarazioni di Bernanke, che portarono gli operatori a concludere che la fine delle operazioni di quantitative easing non era poi cosi' vicina.
Questa settimana però le decisioni della Fed arrivano dopo le revisioni al metodo di calcolo sul Pil di cui al precedente articolo e le borse sono in una condizione di ipercomprato.  Oro e yen hanno corso abbastanza e potrebbe ora essere il dolalro ad apprezzarsi contro euro, anche a causa di non poche scadenze significative, domani ad esempio le aste italiane più lunghe e la sentenza Mediaset.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

10-10-2018
Il segretario del Tesoro americano mette in guardia la Cina sulla debolezza dello yuan: è l'unica cosa su cui i Cinesi possono cedere se il Tesoro fa marcia indietro sui dazi
21-09-2018
Di colpo i cambisti si accorgono che il differenziale di tassi tra tassi Usa e tedeschi è di 2,6 punti percentuale ora tutti scommettono sul suo restringimento. Come sempre la Fed più abile della Bce a indirizzare il cambio
10-09-2018
Barnier avrebbe, secondo ill Financial Times, mandato per chiudere con la UE
29-08-2018
Meno tre per cento in una settimana contro euro, sul nulla di una Brexit che non avverrà mai
23-08-2018
Decisamente verso un nuovo indebolimento del dollaro