Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
30-01-2018

Fed, Da Non Escludere un Rialzo dei Tassi Domani

Mercati che non ragionano ma vanno semplicemente dietro alle mode di quello che sentono da Davos o da qualsiasi altra fonte che possa giustificare una situazione di borse alle stelle e di dollaro molto sottovalutato.

Sono molti da oggi a domani gli eventi che possono cambiare lo scenario: stanotte dati sull'Inflazione in Australia potrebbero portare un po' di logica su uno dei cross che è salito di più contro dollaro, mentre i prezzi del ferro, cui la divisa è legata precipitano da tempo (tranne che negli utlimi giorni) e il differenziale dei tassi si amplia a favore del dollaro americano.

Poi alle tre di notte ore nostre parla Trump alla nazione. In una situazione di forza particolare, è impressionante il numero di gestori, commentatori e organi di stampa che sono passati dalla critica più acerba al sostegno:  l'altro ieri un commento di Ray Dalio, uno dei grossi gestori americani che dalle critiche al populismo è passato alle lodi di Trump ("il discorso di Trump a Davos è stato profondo, aggressivo e ben accolto"), la stampa ora parla di Mr Trump o Mr President, la satira è scomparsa. 

Non è escluso che in questa condizione Trump affondi pesantemente sul tema degli accordi commerciali e ha sicuramente spazio, perché è l'Europa che non conta molto, non la Cina, a essere più minacciata: Trump sta cercando di riportare in America industrie a basso valore aggiunto che ai Cinesi interessano poco e il debito pubblico americano ha bisogno dei Cinesi.

Certamente Trump spinge la Fed a una politica di dollaro debole ma se vi è un momento buon per alzare i tassi è domani. Quale sia l'indipendenza di una Yellen in uscita non sappiamo ma anche dal punto di vista di chi le subentra è politicamente più facile poter attribuire la decisione a chi se ne va, qualora poi le cose vadano male. 
 
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

21-08-2018
Dollaro che si indebolisce sulle lamentele di Trump per l'azione della Fed. Quando l politica cerca di influenzare i mercati fa sempre danni. In Italia, Giorgetti conferma ieri le impressioni espresse in questa sede, non ci sono i termini per una revoca delle concessioni. Probabile balzo, a breve, di Atlantia anche perché spuntano le responsabilità del Commissario
20-08-2018
In previsione della settimana in cui si dovrebbero definire i dazi tra Cina e Stati Uniti
16-08-2018
Su richiesta di alcuni sottoscrittori estendiamo per oggi sedici agosto e domani diciassette agosto la offerta di acquisto di tutti i portafogli a quaranta euro, gli interessati possono scrivere a info@finanze.net; poi da settembre il prezzo dei portafogli sarà elevato a ottanta euro
10-08-2018
Unicredit la banca italiana più esposta. Qualche anno fa la politica europea fece finta di non capire se si fosse trattato o meno di un colpo di stato. Ieri la Bce, tardivamente allarma sulla esposizione delle banche europee alla Turchia. I detentori di obbligazioni in lira turca e sono molti in Italia dovrebbero prudentemente vendere anche con minusvalenze del sessanta per cento, se non in ossesso di titoli Bei o altre sovranazionali.
09-08-2018
Carige sotto l patrimonio di vigilanza, Creval e Sondrio in difficoltà, MPS taciuta, Unicredit e Intesa che fanno i bilanci scaricando i portafogli di sofferenze sul sistema e con commissioni su risparmio gestito e amministrato inaccettabili. E se passa la legge di bilancio come la vogliono i due vice premier può solo peggiorare