Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
30-01-2018

Fed, Da Non Escludere un Rialzo dei Tassi Domani

Mercati che non ragionano ma vanno semplicemente dietro alle mode di quello che sentono da Davos o da qualsiasi altra fonte che possa giustificare una situazione di borse alle stelle e di dollaro molto sottovalutato.

Sono molti da oggi a domani gli eventi che possono cambiare lo scenario: stanotte dati sull'Inflazione in Australia potrebbero portare un po' di logica su uno dei cross che è salito di più contro dollaro, mentre i prezzi del ferro, cui la divisa è legata precipitano da tempo (tranne che negli utlimi giorni) e il differenziale dei tassi si amplia a favore del dollaro americano.

Poi alle tre di notte ore nostre parla Trump alla nazione. In una situazione di forza particolare, è impressionante il numero di gestori, commentatori e organi di stampa che sono passati dalla critica più acerba al sostegno:  l'altro ieri un commento di Ray Dalio, uno dei grossi gestori americani che dalle critiche al populismo è passato alle lodi di Trump ("il discorso di Trump a Davos è stato profondo, aggressivo e ben accolto"), la stampa ora parla di Mr Trump o Mr President, la satira è scomparsa. 

Non è escluso che in questa condizione Trump affondi pesantemente sul tema degli accordi commerciali e ha sicuramente spazio, perché è l'Europa che non conta molto, non la Cina, a essere più minacciata: Trump sta cercando di riportare in America industrie a basso valore aggiunto che ai Cinesi interessano poco e il debito pubblico americano ha bisogno dei Cinesi.

Certamente Trump spinge la Fed a una politica di dollaro debole ma se vi è un momento buon per alzare i tassi è domani. Quale sia l'indipendenza di una Yellen in uscita non sappiamo ma anche dal punto di vista di chi le subentra è politicamente più facile poter attribuire la decisione a chi se ne va, qualora poi le cose vadano male. 
 
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

23-02-2018
E' oramai quasi un anno che sconsigliamo di investire sulla borsa italiana. La spinta dei Pir è finita e i prezzi delle banche soggette ad aumento sono tra il venti per cento e un quarto più bassi dalle operazioni
22-02-2018
I verbali della Fed di ieri sera si riferiscono alla ultima apparizione della Yellen, ma almeno sino al primo intervento di Powell influenzeranno pesantemente le borse
21-02-2018
Tra quelle di ieri e quelle di giovedì duecentocinquanta miliardi di nuove emissioni, le più grandi della storia
20-02-2018
Arrestato per corruzione il governatore della banca centrale di Latvia e rappresentante alla Bce del paese, un ministro spagnolo alla vice presidenza della Bce (non era mai successo). Sempre più una segreteria dei Tedeschi, credibilità al nadir. Fuori dalla Germania in area euro difficile investire
18-02-2018
La società delle nostre selezioni emergenti (del genero di Pinochet...) produce il venti per cento del litio mondiale. Ora Potash deve vendere il suo cinque per cento per fondersi con Agrium