Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
28-07-2016

Giappone, Troppe Aspettative sugli Stimoli

Dopo che lo yen era arrivato a 107 da 100 contro dollaro nel giro di una settimana, sono arrivate la scorsa settimana dichiarazioni di Kuroda secondo cui non erano necessari altri stimoli. La dichiarazione è sembrata insolitamente coraggiosa per un governatore della banca centrale giapponese che viene eletto per un primo mandato in modo più o meno indipendnete, per il secondo direttamente dal aprtito di governo.
L'altro ieri Abe ha annunicato il solito piano dai numeri  fantasmagorici,s timoli fiscali equivalenti al Pil dell'Italia, che però è propaganda politica, con lo stock di debito del Giappone non vi è nessuno spazio per politiche fiscali espansive. Allora la palla passa di nuovo a Kuroda: l'enorme programma di Quantitative Easing messo in campo da Abe non solo non serve ma è controproducente, ora l'Inflazione è addirittura in discesa. Con lo yern debole, almeno sino   aun paio di mesi fa, e una economia esportatrice, divsa debole significa deflazione. Però questo grande attivismo ha pagato politicmente, Abe ora ha quasi la maggioranza assoluta in parlamento.
Non pensiamo Kuroda possa rimangiarsi completamente quanto detto solo la settimana scorsa: lo spazio per uno yen di nuovo verso 100 contro dollaro è piuttosto ampio.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

26-10-2018
Dai numeri di Amazon alla richiesta di nuovi permessi abitativi. Con Draghi già in pensione, oggi il governo italiano dovrebbe dare qualche segnale di buonsenso, se si vuole evitare una nuova valanga di vendite sui titoli di stato a partire da lunedì prossimo
10-10-2018
Il segretario del Tesoro americano mette in guardia la Cina sulla debolezza dello yuan: è l'unica cosa su cui i Cinesi possono cedere se il Tesoro fa marcia indietro sui dazi
21-09-2018
Di colpo i cambisti si accorgono che il differenziale di tassi tra tassi Usa e tedeschi è di 2,6 punti percentuale ora tutti scommettono sul suo restringimento. Come sempre la Fed più abile della Bce a indirizzare il cambio
10-09-2018
Barnier avrebbe, secondo ill Financial Times, mandato per chiudere con la UE
29-08-2018
Meno tre per cento in una settimana contro euro, sul nulla di una Brexit che non avverrà mai