Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
20-03-2018

Gli Americani Sono Terrorizzati da un Dollaro Forte

Strumenti di politica commerciale estera buoni per la Guerra Fredda. L'amministrazione americana punta tutto su un dollaro debole per riportare industria a casa: ieri chiarissimi gli interventi sul mercato per indebolire la divisa americana subito all'apertura dei mercati americani: in pochi minuti il dollaro ha perso quasi mezzo punto percentuale, senza nessuna notizia.
A questi movimenti improvvisi partecipa senz'altro l'ufficio di tesoreria della Fed che forse domani sarà più aggressiva del previsto. Se così sarà il dollaro si rafforzerà parecchio questa settimana e le borse continueranno a scendere. Se esiste un singolo fattore che può far cadere le borse è la ipervalutazione dei giganti della tecnologia, i cosiddetti Fang. Ieri è toccato a Facebook, su cui da mesi diciamo che qualcosa doveva succedere, la capacità d influenza dei social network, non solo in politica, è inaccettabile.
Ma anche la posizione dominante di Amazon, di Netflix, di Google, dovrebbe essere messa in discussione, come notava nei giorni scorsi l'inventore del web https://www.standard.co.uk/tech/sir-tim-berners-lee-facebook-google-dominant-a3787271.html, se a qualcuno interessa la protezione dei diritti del consumatore e la libertà di informazione. Gli interessi che ruotano intorno a queste aziende sono enormi e i politici interverranno sul piano regolatorio solo, come probabile nel caso di Facebook, se i loro propri interessi sono a Rischio: è incredibile che in Europa non si pensi di rispondere alle tariffe americane con provvedimenti incisivi su queste aziende, che non sono certo la web tax, inapplicabile a livello armonico dai singoli stati.
La politica non ha nessuna lungimiranza, ma queste aziende sono diventate troppo grandi per fallire e troppo capaci di influenzare l'opinione pubblica, ora Netflix uscirà con una serie sugli Obama, pagati a peso d'oro per sua realizzazione: e come fu nel caso delle banche nel 2008, saranno quelle che con ogni probabilità causeranno il prossimo crollo delle borse.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

26-10-2018
Dai numeri di Amazon alla richiesta di nuovi permessi abitativi. Con Draghi già in pensione, oggi il governo italiano dovrebbe dare qualche segnale di buonsenso, se si vuole evitare una nuova valanga di vendite sui titoli di stato a partire da lunedì prossimo
10-10-2018
Il segretario del Tesoro americano mette in guardia la Cina sulla debolezza dello yuan: è l'unica cosa su cui i Cinesi possono cedere se il Tesoro fa marcia indietro sui dazi
21-09-2018
Di colpo i cambisti si accorgono che il differenziale di tassi tra tassi Usa e tedeschi è di 2,6 punti percentuale ora tutti scommettono sul suo restringimento. Come sempre la Fed più abile della Bce a indirizzare il cambio
10-09-2018
Barnier avrebbe, secondo ill Financial Times, mandato per chiudere con la UE
29-08-2018
Meno tre per cento in una settimana contro euro, sul nulla di una Brexit che non avverrà mai