Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
22-05-2017

Merkel, "Euro Troppo Debole"

Pochi dubbi che il prossimo governatore della Bce sarà un Tedesco: vi è evidentemente un disegno dietro alle affermazioni di stamane della Merkel, che hanno rafforzato ulteriormente l'euro e che non trovano giustificazione nello stato di salute dell'economia tedesca, che viaggia a gonfie vele. Nell'incontro tra Macron e Gentiloni il premier francese si è guardato bene dal parlare di questioni economiche, limitandosi ai temi dell'immigrazione.

Pare chiaro inoltre che la Germania intenda assecondare l'amministrazione americana nell'indebolimento del dollaro e che il messaggio sia stato passato forte e chiaro anche alla BCE. Ora davvero l'Italia deve agire immediatamente, se vogliamo rimanere in area euro, perchè da qui alle elezioni tedesche l'atteggiamento della Merkel non può che essere ancora più rigido. Speriamo che dal governo arrivino segni di responsabilità o saranno davvero guai per le aziende esportatrici italiane.

Tra un aumento dei consumi interni ed uno degli investimenti la Merkel sembra decisamente propensa a questa seconda strada. E intende farlo con una rivalutazione dell'euro che scoraggi il surplus commerciale e porti a maggiori investimenti interni; nelle teorie macroeconomiche, infatti, la somma tra il saldo pubblico, quello privato (risparmi -investimenti)+ quello estero (esportazioni- importazioni) deve essere uguale a zero. Poichè in Europa il saldo pubblico deve essere tendenzialmente zero, il saldo privato equivale a quello estero: dunque ridurre il surplus commerciale vuol dire aumentare gli investimenti interni. E per ridurre il surplus commerciale, aumentare i prezzi, quindi il cambio de prodotti domestici è una via più veloce che quella invocata spesso di aumentare la propensione al consumo dei Tedeschi, che aumenterebbe la spesa in merci estere e diminuirebbe dunque il surplus commerciale.

Contestualmente forzerebbe i paesi meno virtuosi a  concentrarsi su maggiori risparmi privati in presenza di un equilibrio di bilancio pubblico. O idealmente ad avere un surplus fiscale da risparmiare per abbattere il debito, il che equivale a diminuire la spesa pubblica.

E' francamente difficile immaginare come l'Italia possa rimanere in questo euro, visto che di riduzione della spesa pubblica certamente non si parlerà prima delle elezioni politiche e probabilmente neanche dopo, se l'Europa chiede viceversa una reintroduzione della tassazione sulla prima casa. Su cui la politica demagogicamente si oppone quanto furbesacamente si oppone ai tagli di spesa perchè teme di perdere voti. Ma o si perdono voti o si perde l'Italia per strada, nessuna delle misure giuste farà mai vincere una elezione, qundi improbabile vengano mai attuate a meno di un evento traumatico.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (5 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

17-01-2018
La consueta farsa della chiusura dei cordoni della borsa ("budget shutdown") si dovrebbe chiudere entro domani con una estensione da parte del Senato americano
12-01-2018
Chiarissima sudditanza della Bce ai Tedeschi che oggi arrivano a una intesa sul governo
09-01-2018
La Banca del Giappone diminuisce marginalmente il programma di acquisto titoli mentre i tassi in America superano il 2,5% sul decennale. Contro euro il potenziale di rivalutazione è enorme
19-12-2017
Rispetto al differenziale dei tassi, circa un punto di maggior costo, a indicare una enorme domanda di dollari
23-11-2017
Aumento dei tassi quasi certo a dicembre, scadenza di debito a breve da rinnovare, rimozione degli stimoli Fed. Molti elementi perché la divisa americana possa apprezzarsi parecchio da qui al fine anno e perché le borse vedano una correzione, anche se l'analisi tecnica dice esattamente il contrario.