Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
23-02-2018

Monte Paschi, Carige, Creval, Segnale Forte sulla Borsa

La borsa italiana è effettivamente uno dei migliori mercati al mondo per indici da un anno e tre mesi a questa parte ma gli indici ingannano: la borsa è stata sostenuta con il prezzo di tre o  titoli, Fiat, Unicredit, Intesa, che pesano molto sul FTSE Mib mentre gli indici nascondono enormi cadute.
I tre titoli che hanno sostenuto il listino sino a ora non possono scontare ulteriori sensazionalismi, su Unicredit la Bce tace sull'indagine aperta per la cessione dei diciassette miliardi di sofferenze ma certo non accetterà ulteriori operazioni simili. Su Intesa, oramai il bilancio è fatto con il risparmio gestito ed è chiaro che qui i margini sono insostenibili; anche se le banche stanno spostando i clienti sulle polizze assicurative, che non hanno vantaggi sulle eredità per i molti (sotto il milione per erede si è in esenzione comunque), non possono ledere le legittime e non è vero che siano insequstrabili e impignorabili quando servirebbe, ovvero nel caso di una Azione penale. Quelle a capitale "protetto" sono in assoluto i prodotti pù rischiosi in circolazione, perchè pagano il rendimento facciale delle cedole, ma con tassi che salgono, quando i titoli scadono ( e sono quasi tutti titoli di stato, gli unici a non assorbire il captale della compagnia) registreranno enormi perdite.
Su Fiat i risultati di stamattina sono decisamente sotto le attese.
Le banche che hanno fatto ricorso ad aumenti, anche se non si legge niente sulla stampa,sono ben sotto ai prezzi degli aumenti stessi creando nel caso di MPS un buco di qualche miliardo nel bilancio dello stato, (che però come fanno i gestori delle polizze assicurative "protette" non lo registrerà perché i titoli sono valorizzati a costo, non a mercato) e su Creval non ci pare che la gente si strappi di mano i titoli. 
Tra tassi che salgono, elezioni e aumenti di capitale, non cfrediamo si dovrebbe dedicare all'Italia, che si tratti di azioni o obbligazioni, più del dieci per cento del proprio portafoglio. Per la mggior parte dei rsparmiatori con cui ci confrontiamo, mediamente il portafoglio è tra i due terzi e la totalità investito in Italia.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

18-12-2018
Forse i tassi verranno ancora alzati ma le previsioni saranno di forte rallentamento
17-12-2018
Macy's, L Brands, McKesson, nei settori più disparati della distribuzione i prezzi sono, come l'anno scorso prima di un forte rialzo, ridicolmente bassi. Oggi aggiornamenti ai portafogli mondale e America, per provare a sfruttare quello che immaginiamo possa essere un grosso rimbalzo
14-12-2018
Chi ha rapporti di stock di debito stabili o in diminuzione non subisce effetti negativi
13-12-2018
Impossibile abbassare il deficit di 0,4% e mantenere il contratto di governo
12-12-2018
Trump interviene nel caso Huawei (che ha creato) i Cinesi abbassano i dazi sulle auto americane