Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
16-10-2018

Monte Paschi, Dove la Bce Può Fermare Questo Folle Decreto Fiscale

Una offesa innanzitutto all'intelligenza il decreto fiscale votato ieri: accedono al condono, di pace fiscale non è il caso di parlare, non tutti, ma solo quelli che hanno presentato le dichiarazioni. E' chiaro che chi non le ha presentate non ha ricevuto cartelle, dunque tutti quelli che sono conosciuti al fisco sino ad un certo importo accedono. I contribuenti sanno che è praticamente impossibile contestare le cartelle, prima si paga e poi si contesta dunque giuste o sbagliate che siano accederanno in massa al condono: con una mano ti do con l'altra ti levo. Gli evasori totali continuano a rimanere tali.

Non vi sono spinte interne, sembrava Tria potesse offrirne una dopo il confronto su Alitalia ma ieri è rientrato nei ranghi, che possono fermare questa ondata di fanatismo, è solo dall'esterno che possono arrivare degli stop. Bruxelles non avrà troppa voglia di arrivare a toni minacciosi, se si lascia la trattativa alla politica andiamo avanti mesi.

Ma il Tesoro ha quasi azzerato il suo "investimento" in MPS (che fine ha fatto Morelli?) e se tra i tanti cadaveri si salva Alitalia è lecito supporre che il governo decida di "salvare l'occupazione" anche a MPS.

Per farlo bisogna ributtare dentro altri cinque miliardi (che non basteranno, la banca non ha dismesso il suo portafoglio di sofferenze, lo ha solo conferito a un veicolo che partecipa Cartolarizzazione-241-miliardi/">http://www.gonews.it/2018/05/10/mps-completa-Cartolarizzazione-241-miliardi/) e chiederli a quelli che prima sono stati diluiti poi hanno subito la conversione forzosa poi hanno di nuovo perso ancora l'ottanta per cento sulle azioni convertite è impensabile.

Solo la Bce, nel richiedere una ricapitalizzazione immediata può fermare il processo: e qui non si potrà dare la colpa all'Europa di Juncker, che pure molte colpe ha.

Il rifiuto di ricapitalzzare l'istituto porterebbe il rendimento dei titoli di stato a livelli molto pù alti degli attuali e per quante colpe si possano attribuire al governo precedente sulla vicenda MPS, non si potrebbe evitare parte delle responsabilità.

Altro per fermare questa incoscienza non crediamo ci sia, così l'Italia si avvia verso il commissariamento. Si può certo decidere di prendere le sanzioni in nome di una fantomatica crescita del 4% ma i debiti sono in euro e quelli vanno rimborsati.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

13-11-2018
Nella proposta di Barnier alla Gran Bretagna c'è di tutto, comprese richieste ambientali. Per l'Italia da oggi, giorno della risposta avvolta nel mistero, al ventuno per sapere se verrà attivata la procedura di infrazione. Che sarebbe a questo punto un bene
12-11-2018
Contributo "volontario" delle banche per una obbligazione che dovrebbe essere rimborsata a breve. Unicredit fece lo stesso con Popolare Vicentina, tranne poi ritirarsi. Una ragione in più per uscire con una proposta sensata entro domani nei confronti della UE
09-11-2018
La durezza dei giudizi espressi dalla Commissione sulle prospettive di crescita dell'Italia e della Gran Bretagna totalmente ignorata dai mercati, nell'era della manipolazione. Se le intenzioni di Bruxelles sono serie saranno le grandi banche italiane, da Intesa a Unicredit ad andare sotto pressione
08-11-2018
Sterlina che si rafforza nell'aspettativa di un accordo già nella giornata d oggi. Crediamo nessuna delle parti abbia interesse a raggiungerlo
07-11-2018
I Repubblicani ora non possono proprio fare a meno del Presidente