Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
10-11-2017

Riforma Fiscale Americana, Molto Difficile Venga Approvata

Grande confusione con almeno due piani contrastanti https://www.ft.com/content/fc915b48-c5a6-11e7-a1d2-6786f39ef675 su una riforma fiscale che farebbe pagare meno tasse ai molto ricchi e più tasse alle classi medie.
Di fatto senza che le grandi multinazionali ripatrino liquidità e quartieri generali si tratterebbe solo di redistribuzione. Ora i tempi della discussione si allungano enormemente e vi sono spazi per un dllaro significativamente più alto,
Il rafforzamento imprroviso dell'euro di ieri è arrivato dopo le dichiarazioni imprudenti del presidente della Commissione Europea che prevede la Grecia arrivi in due anni a un surplus di bilancio del 4% https://www.cnbc.com/2017/11/09/eu-commission-greece-primary-surplus-bailout-2018.html.
Qualsiasi economista serio ribatterebbe che per ottenere quel risultato il paese dovrebbe crescere a ritmi cinesi a meno di tagliare ancora i servizi e martoriare ulteriormente i contribuenti.
L'ottimismo di facciata dei politici europei è costato quest'anno dieci punti di rivalutazione dell'euro, che valgono circa mezzo punto percentuale di Pil in meno all'anno.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

12-04-2019
La estradizione di Assange aumenterà enormemente la popolarità del presidente, Fed sempre più accomodante e dollaro decisamente giù
11-04-2019
Molto più diplomatiche le dichiarazioni di Powell, e forse è un peccato
22-03-2019
Stupisce sempre la reazione ai dati, stamane l'indebolimento dell'euro a dati che se si ragiona con la propria testa invece che leggere i giornali sono sotto gli occhi di tutti. Ora cambio al ribasso la mattina e al rialzo il pomeriggio
21-03-2019
Tutto ora gioca a favore di una forte rivalutazione dell'euro contro dollaro
20-03-2019
Dati un po' migliori dalla Germania e probabile rallentamento nelle aspettative sugli Stati Uniti