Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
20-12-2005

2006 cosa evitare e cosa comprare in Europa

Il 2005 è stato un anno estremamente positivo per le borse europee e si impone pertanto la necessità di ripensare almeno a livello settoriale ad una strategia per l'anno venturo. I due settori che a nostro parere vanno evitati in modo assoluto sono quello delle telecomunicazioni, gravato da una montagna di debiti e da diverse operazioni di ristrutturazione in giro per l'Europa, e quello automobilistico. In particolare quest'ultimo settore deve essere testimone di un processo di rivoluzione copernicana, che lo porti verso la costruzione di veicoli meno inquinanti. In questo ambito Bmw è quella più avanti nel processo, ma gli interessi dei grandi costruttori spingono ancora in direzione opposta.Ultimo settore che eviteremmo è quello immobiliare.
Tra i settori che invece ci sembra dovrebero fornire buone prestazioni vi sono il lusso (si vedano le nostre recensioni nella sezione consulenza) e quello delle risorse naturali. Air liquide in particolare potrebbe riservare sorprese estremamente positive. Dall'editoria potrebbero arrivare spunti interessanti con possibili operazioni di acquisizione di aziende di nicchia quali Wolters Kluwer. Ultimo settore che merita attenzione è quello del trasporto aereo in particolare con Lufthansa.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

29-10-2021
La Trasformazione in Spa non ha certo risolto i problemi a Banco Bpm
10-05-2021
Opportunità nel settore fotovoltaico (First Solar). Ma basta parlare di emissioni zero
16-03-2021
Qualcosa prima o poi bisogna fare, mentre coi nuovi piani di aiuti del governo Draghi i numeri saranno ancora più alti. Oltre alla opzioni qua sotto vi è la cancellazione del debito, a quel punto tanto vale una patrimoniale, visto che i privati direttamente o indirettamente ne detengono oltre la metà.
24-04-2020
Come per il Mes o per i prestiti garantiti dallo stato bisogna prima mettere soldi per riceverne indietro in forma di prestito
16-04-2020
Oramai forse inevitabile, ma i voltafaccia di stampa e politica creano ancora più rabbia nei cittadini; di oggi l'ufficializzazione che i prestiti garantiti al 100% copriranno non più del dieci per cento dei richiedenti o degli aventi diritto