Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
10-04-2007

Accordi commerciali, gli errori degli Stati Uniti

La scorsa settimana gli Stati Uniti hanno stretto un accordo commerciale con il Sud Corea, allo stesso tempo introducendo nuovi dazi nei confronti della Cina. La mossa, oltre a mettere in serio periocolo il possibile sviluppo dei paesi più poveri, sta creando reazioni poco trasparenti da parte della Cina. Stanotte le autorità cinesi hanno diffuso i dati dell'export per il mese appena trascorso, apparentemente in discesa del 38%. In realtà quello che è successo, è che durante i due primi mesi dell'anno gli esportatori si sono affrettati con ogni mezzo a promuovere le proprie produzioni all'estero, in attesa appunto di possibili sanzioni commerciai da parte degli Stati Uniti. Gli effetti distorsivi di questi dati pesano fortemente sulle decisioni in materia di politica monetaria e rendono più compicati i riequilibri tanto necessari nel mercato dei cambi, sempre più in preda alle speculazioni.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

24-04-2020
Come per il Mes o per i prestiti garantiti dallo stato bisogna prima mettere soldi per riceverne indietro in forma di prestito
16-04-2020
Oramai forse inevitabile, ma i voltafaccia di stampa e politica creano ancora più rabbia nei cittadini; di oggi l'ufficializzazione che i prestiti garantiti al 100% copriranno non più del dieci per cento dei richiedenti o degli aventi diritto
15-04-2020
. Certo la decisione di Trump è politicizzata per scagliarsi contro la Cina, ma l'OMS ha comunque un ruolo completamente marginale nella possibile ricerca di un vaccino e di terapie. Dopo tutto questo entusiasmo in borsa tempo di tionare completamente liquidi
20-03-2020
La proposta di mettere a disposizione di tutti gli stati i cinquecento miliardi del fondo è la cosa più sensata detta fin ora ed è una occasione di rilancio vero per l'Europa
19-03-2020
Settecentocinquanta miliardi di liquidità che tanto le banche non imprestano sosterranno un pò le borse, l'euro e i titoli di stato ma non servono né alle aziende né ai cittadini