Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
04-04-2019

Bce, Verso l'Annullamento dei Tassi Applicati sui Depositi Bancari

Secondo quanto riporta l'articolo del quotidiano britannico, la Bce starebbe pensando di eliminare l'applicazione del tasso delo 0,4% ai depositi lasciati dalle banche presso l'istituo centrale.
Nell'articolo vierne stimato a sette miliardi e mezzo di euro il costo annuale sopportato dalle banche, che in pratica pagano per il privilegio di tenere soldi all'istituo centrale. Dividendo per lo 0,4% fanno oltre centocinquanta miliardi depositati oggi dalle banche presso la BCE, la ragione principale, insieme all'aggio dei profitti stellari della banca centrale e di quelle locali, inclusa Banca d'Italia.
La misura era stata pensata come stimolo alle banche a prestare soldi all'economia reale, ma non è mai funzionata, drenando peraltro profitti alle banche. Se la modifica passa, ed è probabile di sì perché con tante banche in difficoltà incluse le due tedesche per cui si parla di una fusione serve ai conti, la redditività degli istituti di credito migliora ma imprestano ancora meno soldi.
Dunque grandi incentivi alle fusioni spariscono, nel risparmio gestito quando si hanno queste dimensioni non vi sono economie di scala nelle fusioni e nel credito, se già non lo si fa oggi a maggior ragione non lo si farà se si mettono insieme due giganti per cui la fusione occupa energie per due anni. La iidea di Unicredit, sembra, di rimettersi in lizza per l'acquisto di Commerzbank, di stamane sembra più un modo di forzare i regolatori a dire di no alla fusione Deutsche Conmerzbank che una proposta seria.
Questa modifica mosrtrerebbe la sconfitta più plateale delle politiche monetarie della Bce. Il meccanismo di trasmissione, quello per cui se la Bce dà soldi alle banche poi queste le imprestano alla economia reale non è mai funzionato. Le banche i soldi non li prestano senza garanzie, perché non prendono rischi su chi ha solo progetti, tranne poi imprestarli per motivi politici, caricandosi di sofferenze. Il nuovo enorme sviluppo immobiliare di Milano previsto in zona Pirelli farà un bel buco nei bilanci delle banche.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni
30-03-2019
Vicina una estensione degli accordi oltre alle elezioni europee: l'impatto sulla sterlina potrebbe essere notevolmente al rialzo, in newsletter questo sabato una idea di acquisto sull'obbligazionario, che anora rende qualcosa e promette forte apprezzamento sulla sterlina