Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
02-04-2019

Italia in Recessione, Aritmetica, non Opinioni

Col paese in recessione tecnica e la perdita di gettito che inevitabilmente comporta l'adozione della flat tax per le partire Iva, il costo del debito italiano non può che salire, sottraendo ulteriori risorse dal piano di investimenti.
Certamente lo sblocco dei cantieri avrà un effetto di accelerazione sulla crescita però poi bisogna avere i soldi per completarli: il ponte di Genova non parte perché mancano i soldi non perché i cantieri sono bloccati.
Ma quota 100 deprimerà l'efficienza dei servizi pubblici in particolare di scuola e  sanità senza che questo comporti maggiori consumi: la propensione al consumo di un pensionato è sempre bassa e aumenta a livello collettivo solo se i giovani giuadagnano di più, sono loro che spendono: e nessuna delle due misure aiuta i giovani a spendere.
Tria due giorni fa ha affermato che l'Italia oramai da molti anni cresce un punto all'anno meno della Germania dunque se la Germania cresce a meno dell'uno, quest'anno l'Italia sarà in recessione per ammissione stessa del Ministro, anche se non del premier e dei due vice premier: è un bel passo indietro dalle previsioni di crescita dell'1,6% del governo dell'anno scorso. Dunque le cifre non sono più veramente in discussione e tutti negano manovre correttive solo perché le elezioni europee sono alle porte.
E' chiaro che l'unione Europea non ha intenzione di arrivare ai ferri corti come mostra l'incontro tra Juncker e Conti di questi giorni, dunque accetterà in parte previsioni di stima ancora inflazionate, su cui viene misurato il raportto defici/Pil tendenziale (che dunque è solo un dato di fantasia). Ma per quanto fianco diano alle fantasie del governo, con il costo del debito che si è stabilizzato a queasto livello, anche previsioni di crescita diciamo dell' 1,5%, impossibili da realizzare, vedrebbero comunque peggiorare il rapporto deficit Pil.
Evitare l'aumento dell'Iva è dunque davvero molto difficile l'anno venturo, quando però avremo verosimilmente un altro governo che potrà dare la colpa a quello prima.
Aumento dell'Iva, anticipo Irpef sono gli stessi passi che intraprese la Grecia qualche anno fa. I conti sono ora in ordine ma di gente sulla soglia della povertà ce ne è molta di più di prima. 
Anche in Grecia i ricchi hanno continuato ad essere ricchi e ad esportare capitali, In Italia ci sono duecento banchieri che guadagnano più di un milione di euro e in quello che ruota intorno al pubblico o agli appalti i bonus, come quello di Castellucci ad Autostrade, sono da capogiro.  Banche, grandi opere e serivizi pubblici sono le aree dove si concentrano gli interessi politici, i compensi sono il prezzo per il silenzio. Di sostanziale con questo governo non è cambiato niente, come è stato il caso con il governo di "sinistra" di Tsipras: la macchina della politica ha meccanismi ben oliati per mantenere il controllo in poche mani che non cambiano con i colori politici.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
30-03-2019
Vicina una estensione degli accordi oltre alle elezioni europee: l'impatto sulla sterlina potrebbe essere notevolmente al rialzo, in newsletter questo sabato una idea di acquisto sull'obbligazionario, che anora rende qualcosa e promette forte apprezzamento sulla sterlina