Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
14-09-2016

BPM, "Moral Suasion" sui Dipendenti per Accettare la Fusione

Il voto capitario è sempre funzionato così nelle banche, chi vota come dice la direzione spera di far carriera gli altri sanno che saranno additati come untori. Però questo caso è diverso: per qualsiasi pressione i dipendenti di BPM ricevano, nel piano industriale congiunto sono previsti tagli molto più cospicui che per il piano della BPM da sola. Certo uno può pensare che rimarrà dalla parte giusta ma con questi banchieri si tratta veramente di un atto di fede.
Bonomi ha detto pubblicamente che in caso di mancata fusione rileverebbe volentieri con garanzia dei posti di lavoro. Anni fa non  ebbe successo perchè era entrato con l'idea di tagliare teste. Per i dipendenti di BPM, certo richiede un po' di coraggio, ma è molto meglio dire no in assemblea.
I pensionati potrebbero fare la differenza, ammesso che abbiano voglia di andare a votare.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

10-01-2018
I Cinesi sanno come tenere glI Americani al guinzaglio. Trump farebbe meglio a tenerne conto , la riforma fiscale ha bisogno dei Cinesi per essere finanziata. Zhong Huo è proprio la terra di mezzo
05-01-2018
Le spiegazioni sono sempre le stesse: automatizzazione, invecchiamento della popolazione e concentrazione della ricchezza nelle mani di pochi. Oggi ancora più convinti che l'euro debba scendere molto da questi livelli. Più la Bce pompa denaro e tiene i tassi bassi più l'inflazione scende. Non è difficile da capire ma fa comodo a molti non abbandonare le vecchie teorie economiche
04-01-2018
Spinta irrazionale sui titoli del gruppo dopo dati molto deludenti negli Stati Uniti
02-01-2018
Di settemila pagine di cose che in larga parte non interessano il cliente, quello che diventa trasparente sono i costi, ma non nelle polizze assicurative che verranno enormemente spinte dagli intermediari finanziari: almeno sino alla introduzione della Direttiva IDD, posticipata a ottobre di quest'anno
31-12-2017
Dall'inizio delle rendicontazioni , in media il 2011, tutti i portafogli fanno meglio del mercato, ma non tutti gli anni. Quest'anno molto bene quelli su cui si possono fare dei ragionamenti, ovvero quello emergenti e quello materie prime. Meno bene quelli che sono trascinati dalle mode.