Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
15-11-2017

Cambi. Ora Quando le Cose Vanno Male in Europa l'Euro Sale

Secondo la Boschi i dati non sono miracolosi ma frutto di un importante lavoro del suo esecutivo. A noi invece sembrano proprio miracolosi non perché alti, rimaniamo comunque il paese in area EU con i minori tassi di crescita ma perché facciamo fatica ad incrociarli con altre statstiche economiche basate su numeri verificabili, come ad esempio il consumo di energia.
Quale che sia la verità, l'ottimismo di politici e burocrati in area euro non è mai stato più alto. Dalle previsioni su un surplus di bilancio di quattro punti percentuali per la Grecia già nel 2020 ai dati di ieri va tutto bene.
Ma se il Pil crece sopra addirittura alle stime del governo questo si dovrebbe tradurre in maggiori entrate fiscali e quindi in una riduzione del debito: non dovrebbe dunque essere necessario assistere all'ennesimo dibattito tra Padoan e la Ue sui conti pubblici.
Nella giornata di oggi parla Praet, uno degli esponenti della BCE più a favore di misure espansive ed è probabile che cercherà di indebolire l'euro.
 
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

17-01-2018
La consueta farsa della chiusura dei cordoni della borsa ("budget shutdown") si dovrebbe chiudere entro domani con una estensione da parte del Senato americano
12-01-2018
Chiarissima sudditanza della Bce ai Tedeschi che oggi arrivano a una intesa sul governo
09-01-2018
La Banca del Giappone diminuisce marginalmente il programma di acquisto titoli mentre i tassi in America superano il 2,5% sul decennale. Contro euro il potenziale di rivalutazione è enorme
19-12-2017
Rispetto al differenziale dei tassi, circa un punto di maggior costo, a indicare una enorme domanda di dollari
23-11-2017
Aumento dei tassi quasi certo a dicembre, scadenza di debito a breve da rinnovare, rimozione degli stimoli Fed. Molti elementi perché la divisa americana possa apprezzarsi parecchio da qui al fine anno e perché le borse vedano una correzione, anche se l'analisi tecnica dice esattamente il contrario.