Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
15-11-2017

Cambi. Ora Quando le Cose Vanno Male in Europa l'Euro Sale

Secondo la Boschi i dati non sono miracolosi ma frutto di un importante lavoro del suo esecutivo. A noi invece sembrano proprio miracolosi non perché alti, rimaniamo comunque il paese in area EU con i minori tassi di crescita ma perché facciamo fatica ad incrociarli con altre statstiche economiche basate su numeri verificabili, come ad esempio il consumo di energia.
Quale che sia la verità, l'ottimismo di politici e burocrati in area euro non è mai stato più alto. Dalle previsioni su un surplus di bilancio di quattro punti percentuali per la Grecia già nel 2020 ai dati di ieri va tutto bene.
Ma se il Pil crece sopra addirittura alle stime del governo questo si dovrebbe tradurre in maggiori entrate fiscali e quindi in una riduzione del debito: non dovrebbe dunque essere necessario assistere all'ennesimo dibattito tra Padoan e la Ue sui conti pubblici.
Nella giornata di oggi parla Praet, uno degli esponenti della BCE più a favore di misure espansive ed è probabile che cercherà di indebolire l'euro.
 
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

20-04-2018
Tassi verso il tre per cento di nuovo sul decennale e dati molto deboli dall'Europa
13-04-2018
Ieri le preoccupazioni di esponenti della Bce sull'euro forte hanno avuto, come al solito effetto moderatamente contrario, area euro senza leadership e fuori dai grandi giochi
28-03-2018
Il costo di approvvigionarsi di dollari all'estero mai così alto dal 2011
22-03-2018
Mercati dei cambi impazziti dopo la Fed ieri sera ma nessuno ha notato i dati deboli e le dichiarazioni tiepide in Australia e Nuova Zelanda
20-03-2018
Mentre il mercato azionario scendeva ieri e la domanda di dollari all'estero è la più alta da dieci anni il dollaro si indeboliva. Forse domani la Fed potrebbe essere più aggressiva dl previsto