Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
02-10-2017

Catalogna, Area Euro in Rapido Disfacimento. Indebolimento dell'Euro alle Porte

 Un evento che crediamo avrà conseguenze durature per le economie cosiddette periferiche dell'area euro.
 
La Spagna avrebbe, ma i dati economici ufficiali oramai vanno sempre guardati con sospetto, dieci milairdi di deficit con la Catalogna http://www.elnacional.cat/en/news/fiscal-deficit-catalonia-2014_189402_102.html . L recente bilancio programmatico della Catalogna mostra come la regione abbia ridotto il proprio deficit pubblco a percentuali intorno allo 0,93% del Pil http://www.catalangovernment.eu/pres_gov/AppJava/government/news/300276/catalonia-reduces-deficit-0-93.html.
Quattro anni fa quando la stuazone dei conti pubblici era diversa le istanze di indipendenza trovavano tepida accoglienza.
 
La Catalogna, come risultato di questo basso deficit (che peggiorerebbe moltssimo però in caso di indipendenza perché verrebbero chiaramente erette barriere protezionistiche nei confronti di aziende che dipenderebbero dalle esportazioni) riceve una quota di spesa pubblica spagnola leggermente inferiore alla media nazionale, ma non cifre scandalose https://elpais.com/elpais/2017/09/26/inenglish/1506410252_592782.html
 
Il punto, come indica l'articolo del Pais è che tutte le regioni che viaggiano sopra la media nazionale in area euro, in un modo o nell'altro finanziano parzialmente una redistribuzione del reddito a favore delle regioni più povere. Fatto accettabilissimo se i governi centrali fossero orientati a principi di uguaglianza sociale. Ma nessuno crede al disinteresse dei governi centrali, è incredibile il numero di Milanesi che, a prescindere dal colore politico, affermano che in un vero referendum per l'indipendenza, quello del 22 è una consultazione (ma lo era anche la Brexit) voterebbero per liberarsi di Roma.
 
La reazione di Rajoy è stata di ridicolizzare il referendum e di ridurre i protestanti a cospiratori; non può che rendere il confronto ancora più aspro, oltre a fornire un appiglio a tutte le altre istanze indipendentiste sparse per l'Europa: non vi è dubbio che la Lega trarrà grande beneficio in Italia da questi fatti. E non vi è dubbio che su più larga scala i goveni nazionali avranno maggiore Leva nell'applicare il medesimo ragionamento nei confronti di Bruxelles.
 
Compensare la Catalogna con nove miliardi di euro di trasferimenti, a tanto sembrerebbe ammonti il deficit annuale dell'amministrazione pubblica spagnola nei confronti della Catalogna, magari attraverso incentivi fiscali ad aziende e privati, avrebbe avuto un costo molto meno importante.
 
Ora di questa Europa rimane davvero molto poco, soprattutto una classe politica incompetente e avida che non sembra avere strumenti per riportare la situazione a equilibri sostenibili.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (1 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

20-10-2017
La prospettiva di un nuovo mandato a Abe ha infiammato la borsa e depresso lo yen. Ora il mercato azionario più rischioso
19-10-2017
Non si può dire che manchi coraggio a Puigdemont, che oggi dichiara la volontà di procedere con la dichiarazione di indipendenza, mentre scade il secondo ultimatum di Madrid. Le conseguenze sull'area euro ora possono essere davvero significative, se la Spagna non stacca un assegno subito alla Catalogna
18-10-2017
Scaricato il fedele Visco per motivi preelettorali, anche il prossimo un mero esecutore. Situazione imbarazzante per l'Italia, il governatore non vuole mollare la sedia e non per questioni di indipendenza
18-10-2017
Secondo il Financial Times il programma verrà esteso con quantità più piccole a tutto il 2018, un modo per tentare di contenere l'apprezzamento dell'euro. Così i tassi bund rimarrebbero bassi ma quelli del BTP salirebbero molto.
10-10-2017
Calenda si innalza a difensore dei dipendenti licenziandi, ma il piano di Marcegaglia-Intesa- Mittal l'ha approvatp il governo non qualcun altro.