Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
02-10-2017

Catalogna, Area Euro in Rapido Disfacimento. Indebolimento dell'Euro alle Porte

 Un evento che crediamo avrà conseguenze durature per le economie cosiddette periferiche dell'area euro.
 
La Spagna avrebbe, ma i dati economici ufficiali oramai vanno sempre guardati con sospetto, dieci milairdi di deficit con la Catalogna http://www.elnacional.cat/en/news/fiscal-deficit-catalonia-2014_189402_102.html . L recente bilancio programmatico della Catalogna mostra come la regione abbia ridotto il proprio deficit pubblco a percentuali intorno allo 0,93% del Pil http://www.catalangovernment.eu/pres_gov/AppJava/government/news/300276/catalonia-reduces-deficit-0-93.html.
Quattro anni fa quando la stuazone dei conti pubblici era diversa le istanze di indipendenza trovavano tepida accoglienza.
 
La Catalogna, come risultato di questo basso deficit (che peggiorerebbe moltssimo però in caso di indipendenza perché verrebbero chiaramente erette barriere protezionistiche nei confronti di aziende che dipenderebbero dalle esportazioni) riceve una quota di spesa pubblica spagnola leggermente inferiore alla media nazionale, ma non cifre scandalose https://elpais.com/elpais/2017/09/26/inenglish/1506410252_592782.html
 
Il punto, come indica l'articolo del Pais è che tutte le regioni che viaggiano sopra la media nazionale in area euro, in un modo o nell'altro finanziano parzialmente una redistribuzione del reddito a favore delle regioni più povere. Fatto accettabilissimo se i governi centrali fossero orientati a principi di uguaglianza sociale. Ma nessuno crede al disinteresse dei governi centrali, è incredibile il numero di Milanesi che, a prescindere dal colore politico, affermano che in un vero referendum per l'indipendenza, quello del 22 è una consultazione (ma lo era anche la Brexit) voterebbero per liberarsi di Roma.
 
La reazione di Rajoy è stata di ridicolizzare il referendum e di ridurre i protestanti a cospiratori; non può che rendere il confronto ancora più aspro, oltre a fornire un appiglio a tutte le altre istanze indipendentiste sparse per l'Europa: non vi è dubbio che la Lega trarrà grande beneficio in Italia da questi fatti. E non vi è dubbio che su più larga scala i goveni nazionali avranno maggiore Leva nell'applicare il medesimo ragionamento nei confronti di Bruxelles.
 
Compensare la Catalogna con nove miliardi di euro di trasferimenti, a tanto sembrerebbe ammonti il deficit annuale dell'amministrazione pubblica spagnola nei confronti della Catalogna, magari attraverso incentivi fiscali ad aziende e privati, avrebbe avuto un costo molto meno importante.
 
Ora di questa Europa rimane davvero molto poco, soprattutto una classe politica incompetente e avida che non sembra avere strumenti per riportare la situazione a equilibri sostenibili.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (1 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

16-12-2017
Esce nella sua versione finale ieri sera una riforma che ritenevamo impossibile passasse. La tassa sulle liquidità detenute all'estero dalle imprese, in molti casi inapplicabile in base ai trattati internazionali, renderà l'economia americana meno internazionale. In un paese povero di materie prime del futuro vuol dire consegnarsi in mano cinesi. Qualche idea di investimento nella newsletter di oggi
14-12-2017
E'quando gl interessi della politica e delle istituzioni di nomina politica confliggono che l'economia diventa ingestibile. A breve presumibile che il conflitto si estenda a larga parte dell'area euro con Bce e nuovo governo tedesco in aperto conflitto
14-12-2017
Cade il divieto per i fornitori di favorire certi canali. Cade anche il divieto per regolarne i costi come se si trattasse di un servizio di pubblica utilità. La rete è un villaggio globale, se cade l'imparzialità negli Stati Uniti cade anche in Europa
08-12-2017
Da dicembre cambiano le norme antiriciclaggio in Europa e in Italia non vi è più obbligo di tracciare le transazioni sopra i quindicimila euro. Inutili i tentativi dei banchieri centrali se le norme favoriscono le transazioni sporche
07-12-2017
"Estremamente soddisfatto" l'amministratore delegato. Equita da sola dovrebbe coprire centoventi milioni