Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
20-05-2005

Come impugnare un contratto di credito

Un contratto di credito deve:

  • avere forma scritta;
  • essere consegnata al consumatore;
  • indicare chiaramente il finanziatore ed il beneficiario del credito ; il beneficiario dev’essere identificato tramite documento e codice fiscale;
  • specificare l’importo e le modalità del finanziamento, nonché il numero, l’ammontare e le scadenze delle singole rate;
  • indicare il tasso annuo effettivo globale TAEG e quello Nominale TAN , così come le eventuali condizioni che possono determinarne la variazione, nonché importo e causale degli oneri esclusi dal calcolo del tasso annuo effettivo globale, eventuali spese supplementari in caso di ritardati rimborsi, eventuali garanzie richieste, eventuali coperture assicurative richieste dal consumatore e non incluse nel calcolo del tasso annuo effettivo globale.

Anziché un vero e proprio contratto, spesso compilate solo un modulo simile ad una proposta di contratto. Questa proposta unilaterale diventa efficace solo a seguito dell’espressa accettazione SCRITTA da parte del finanziatore o tramite il versamento dell’importo stabilito.

Quando si presenta una domanda di credito, normalmente viene richiesta anche una copia della dichiarazione dei redditi. La stessa attuazione del contratto presuppone il trattamento di dati personali, trasmessi talvolta dal finanziatore anche ad altri istituti che con esso collaborano (ad es. Centrale Rischi per la tutela del credito). La legge sulla protezione dei dati personali prescrive che il consumatore sia informato esaurientemente sul modo in cui saranno utilizzati i suoi dati personali e che egli dia il proprio consenso al trattamento degli stessi. In qualsiasi momento il consumatore deve poter conoscere quali siano i dati in possesso del finanziatore.

Invalidita' e nullità

Le clausole di rinvio agli usi sono nulle.
L’intero contratto è da ritenersi nullo quando manchi il relativo atto scritto ovvero quando determinate clausole contrattuali siano assenti o nulle (contrarie alla legge vigente in materia).

In tal caso potete chiedere l'applicazione delle condizioni "standard" e cioe':

* applicazione di un tasso annuo effettivo globale equivalente al tasso Nominale minimo dei buoni del tesoro annuali o di altri titoli similari emessi nei 12 mesi precedenti alla stipulazione del contratto;
* scadenza a 30 mesi;
* facoltà di rimborsare anticipatamente il credito ovvero di risolvere anticipatamente il contratto senza che ciò comporti oneri aggiuntivi.

Fonti: Legge n. 154/92 in materia di trasparenza, legge n. 142/92 concernente i crediti al consumo, decreto legislativo n. 385/93 in materia bancaria e creditizia, legge n. 52/96 sulle clausole contrattuali abusive, legge n. 108/96 in materia di usura, legge n. 675/96 sulla protezione dei dati personali. www.centroconsumatori.it


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

29-08-2016
Dal momento della fine della contribuzione, il beneficio fiscale si annulla tra i sei o sette anni successivi. Poi le commissioni pagate saranno certamente più alte
30-07-2016
Si parte dal risultato voluto per ottenere i numeri. Fuori Portogallo e Grecia, nello scenario avverso vengono anche esclusi tassi negativi, già presenti in più di metà dell' Eurozona e effetti della Brexit. Spiace i responsabili del Fondo Atlante si siano piegati come sembra a valutazioni false per le sofferenze di MPS. Dopo qualche giorno la pressione si sposterà su Unicredit, quart'ultima nei test e sulle banche escluse dai test, Carige, Bper e in caso di fusione con Banco Popolare, BPM. Particolarmente ingannevoli le stime usate sull'Italia.
27-07-2016
Ultima versione di questo romanzo semiserio, la Banca varerebbe un aumento di capitale da cinque miliardi. Non si capisce chi lo garantisca però
21-07-2016
Se confermato quanto sostenuto oggi da il Sole e MF. Sembra ferma la posizione di Quaestio (Atlante) che rifiuterebbe così di partecipare all'operazione a prezzi non di mercato. Se implementata questa "soluzione" costerebbe molto più che lasciare fallire la banca
14-07-2016
La "soluzione" di cui parla la stampa di mettere sul mercato tre quarti del pacchetto di sofferenze a trenta centesimi con garanzia dello stato sposta il rischio sui risparmiatori, con probabile inclusione in fondi e polizze di larga parte del pacchetto. Se lo schema fosse confermato si tratta della classica catena di Sant'Antonio.