Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
20-05-2005

Come impugnare un contratto di credito

Un contratto di credito deve:

  • avere forma scritta;
  • essere consegnata al consumatore;
  • indicare chiaramente il finanziatore ed il beneficiario del credito ; il beneficiario dev’essere identificato tramite documento e codice fiscale;
  • specificare l’importo e le modalità del finanziamento, nonché il numero, l’ammontare e le scadenze delle singole rate;
  • indicare il tasso annuo effettivo globale TAEG e quello Nominale TAN , così come le eventuali condizioni che possono determinarne la variazione, nonché importo e causale degli oneri esclusi dal calcolo del tasso annuo effettivo globale, eventuali spese supplementari in caso di ritardati rimborsi, eventuali garanzie richieste, eventuali coperture assicurative richieste dal consumatore e non incluse nel calcolo del tasso annuo effettivo globale.

Anziché un vero e proprio contratto, spesso compilate solo un modulo simile ad una proposta di contratto. Questa proposta unilaterale diventa efficace solo a seguito dell’espressa accettazione SCRITTA da parte del finanziatore o tramite il versamento dell’importo stabilito.

Quando si presenta una domanda di credito, normalmente viene richiesta anche una copia della dichiarazione dei redditi. La stessa attuazione del contratto presuppone il trattamento di dati personali, trasmessi talvolta dal finanziatore anche ad altri istituti che con esso collaborano (ad es. Centrale Rischi per la tutela del credito). La legge sulla protezione dei dati personali prescrive che il consumatore sia informato esaurientemente sul modo in cui saranno utilizzati i suoi dati personali e che egli dia il proprio consenso al trattamento degli stessi. In qualsiasi momento il consumatore deve poter conoscere quali siano i dati in possesso del finanziatore.

Invalidita' e nullità

Le clausole di rinvio agli usi sono nulle.
L’intero contratto è da ritenersi nullo quando manchi il relativo atto scritto ovvero quando determinate clausole contrattuali siano assenti o nulle (contrarie alla legge vigente in materia).

In tal caso potete chiedere l'applicazione delle condizioni "standard" e cioe':

* applicazione di un tasso annuo effettivo globale equivalente al tasso Nominale minimo dei buoni del tesoro annuali o di altri titoli similari emessi nei 12 mesi precedenti alla stipulazione del contratto;
* scadenza a 30 mesi;
* facoltà di rimborsare anticipatamente il credito ovvero di risolvere anticipatamente il contratto senza che ciò comporti oneri aggiuntivi.

Fonti: Legge n. 154/92 in materia di trasparenza, legge n. 142/92 concernente i crediti al consumo, decreto legislativo n. 385/93 in materia bancaria e creditizia, legge n. 52/96 sulle clausole contrattuali abusive, legge n. 108/96 in materia di usura, legge n. 675/96 sulla protezione dei dati personali. www.centroconsumatori.it


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

18-07-2017
Si profilano i contorni della cessione delle sofferenze nel progetto FINO (Failure Is Not An Option..). Che come al solito finiranno nel portafoglio di privati ignari, probabilmente clienti di Unicredit
13-07-2017
Abbiamo modificato l'offerta ExtraAdvice, che oggi è senz'altro il servizio di consulenza personalizzata più a basso costo sul mercato ( meno di un ETF) e prevede il supporto a distanza dei nostri consulenti. Da qualche giorno vediamo segni di nuovo interesse sulle piccole capitalizzazioni italiane, il servizio è particolarmente adatto a questa categoria di titoli.
30-05-2017
Migliore anche sul piano occupazionale l'offerta di Jindal ma forse Cdp non si può impegnare su nuovi investimenti. Intervento fatto con i soldi sequestrati ai Riva
29-05-2017
Ora ricomincia l'odiosa negoziazione con i signori della previdenza complementare. Grande aiuto alle banche, futuri pensionati duramente puniti, probabile che il miliardo per la Vicenza arrivi da qui.
25-05-2017
L'ex investitore e ispiratore di un celebre film spiega bene in questo video perché la volatilità sui mercati è quasi nulla e chi potrebbe staccare la spina. La Fed come la Bce sempre meno ascoltate dalla politica, mentre il denaro dei contribuenti serve a puntellare le borse oramai non solo negli Stati Uniti ma anche in Italia. Fa riflettere che la Cnbc lo mandi in onda proprio adesso: da vedere