Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
05-02-2005

Cosa sono gli ETF - exchange traded fund

Gli Etf, come indicato dal loro stesso nome "Exchange Traded Fund", sono dei fondi che possono essere scambiati come se fossero delle azioni.

Gli ETF vengono quotati e scambiati come un'Azione, permettendo agli investitori di comprare o vendere un intero paniere di riferimento con la stessa facilità e tempestività di una semplice Azione.

L'ETF è uno strumento finanziario che identifica una valida soluzione per tutti coloro che privilegiano gli investimenti di tipo indicizzato o tipici di una "gestione passiva", ossia soluzioni di investimento che hanno come caratteristica principale quella di replicare l'andamento di un mercato, di un indice o un paniere di titoli.

Il primo vantaggio degli ETF è costituito dall'assenza di una qualsiasi forma di gestione del fondo, che determina una notevole riduzione dei costi.

Notevoli risultano essere le differenze con i fondi comuni di investimento anche se, come ribadito dalla Consob, sussistono gli obblighi di invio dell'informativa prevista per i possessori dei fondi e di pubblicazione di un Prospetto informativo.

Occorre evidenziare che i fondi comuni di investimento vengono valorizzati una volta al giorno a mercati chiusi, mentre gli ETF vengono quotati in modo continuativo nel mercato secondario.

Il secondo vantaggio fa riferimento alla possibilità di vendere le quote in qualsiasi momento della giornata di contrattazioni, approfittando così delle eventuali impennate fatte registrare dal paniere di titoli di cui è composto l'ETF prescelto.

L'interesse suscitato nel pubblico dagli ETF è dovuto al fatto che dal punto di vista dei costi
per i risparmiatori, gli ETF possono essere associati alle azioni, dunque, questi strumenti finanziari non prevedono commissioni di entrata o di uscita.

Tuttavia, si possono prevedere delle commissioni di gestione che vanno dal massimo dell'1%, per gli ETF scambiati nei mercati esteri, allo 0,35% per quelli scambiati nel Mercato Telematico Italiano. A queste commissioni si aggiungono, come per le azioni, le commissioni di negoziazione per ogni acquisto o vendita a seconda del mercato di riferimento.

La particolarità degli ETF sta nel fatto che questi strumenti finanziari assicurano gli stessi rendimenti dell'indice Benchmark di riferimento, quindi, consentono di prendere delle posizioni immediate su un indice di mercato.

Gli ETF sono fondi a "gestione passiva" che riproducono indici o panieri di titoli, composti generalmente da un indice di borsa, immessi sul mercato dove sono quotati e scambiati come un'Azione, permettendo così agli investitori di comprare o vendere un intero paniere di riferimento con la stessa facilità di una semplice Azione.

In Italia gli ETF quotati sono 20-30, tra questi :

Azioni Europa
B1 - ETHICAL INDEX EURO, SPDR EUROPE 350 FUND, ISHARES DJ STOXX 50, ISHARES FTSE EUROTOP 100, B1 - MSCI PAN EURO

Azioni zona Euro
B1 - MSCI EURO, DJ EURO STOXX 50 MASTER UNIT, SPDR EURO FUND, ISHARES DJ EUROSTOXX 50, ISHARES FTSE EURO 100

Azioni USA
DOW JONES INDUSTRIAL AVERAGE MASTER UNIT, NASDAQ 100 EUROPEAN TRACKER, ISHARES S&P 500

Azioni High Tech
MSCI US TECH MASTER UNIT

Azioni Mondo
DOW JONES GLOBAL TITANS 50 MASTER UNIT

Azioni Italia
S&P/MIB MASTER UNIT

Obbligazioni governative area Euro
EURO MTS 10-15Y, EURO MTS 3-5Y, EURO MTS GLOBAL MASTER UNIT

Obbligazioni corporate area Euro
ETF IBOXX


Differenze con i fondi comuni di investimento

Tipo di gestione
gli ETF si caraterizzano da una gestione "passiva" in quanto replicano passivamente un indice.

Liquidità
gli ETF vengono quotati in modo continuativo.

Diversificazione
gli ETF permettono di investire direttamente in un indice di riferimento di propria scelta, riducendo il Rischio inerente ad un singolo titolo, in quanto si investe in un paniere di titoli non direttamente correlati tra di loro, proteggendosi così dagli eventuali eccessivi ribassi di un titolo all'interno di un indice.

Commissioni ridotte
gli ETF si comportano in realtà come azioni, e dunque non prevedono commissioni di entrata e uscita ma solo commissioni di gestione ridotte In media i costi di gestione per i normali fondi azionari, si aggirano intorno all'1,75% del patrimonio impiegato, mentre per gli Etf vanno dallo 0,2% all'1% massimo.


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni