Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
30-10-2017

Divise, la Settimana Più Interessante dell'Anno

Powell, se il suo nome verrà confermato, è la nomina meno indipendente possibile e quella su cui, a detta di tutti coloro che conoscono i candidati, Trump potrà esercitare la maggiore influenza.

Dopo il rallentamento degli altri due istituti centrali, la banca del Giappone, che si riunisce domani, avrà meno bisogno di stampare moneta per comprare il decennale giapponese (che se sale fa espoldere il rapporto deficit/Pil a livello incontenbili). Il cambio dollaro yen si muove sull'ipotesi che il decennale rimanaga praticamente a zero e guarda ai tassi americani, non a quelli giapponesi, come mostra il grafico. Ora potrebbe rompersi questa relazione

E'del tutto possibile che in settimana si assista dunque a un nuovo importante indebolimento del dollaro, soprattutto contro yen e franco svizzero.

Il cambio euro dollaro è più probabile invece che rimanga intorno a questi lvelli o un po' più alti (1,17/1,18), dove la probabile debolezza del dollaro potrebbe essere compensata dai temi di politica interna.

La questione spagnola sembra purtroppo solo all'inizio e la reazione del governo centrale ha tutte le caratteristiche per creare inutili martiri. ANdava studiata prima una compensazione economica, ma qui le due parti si sono messe da sole nell'angolo: grande spazio per le negoziazioni non c'è.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

20-04-2018
Tassi verso il tre per cento di nuovo sul decennale e dati molto deboli dall'Europa
13-04-2018
Ieri le preoccupazioni di esponenti della Bce sull'euro forte hanno avuto, come al solito effetto moderatamente contrario, area euro senza leadership e fuori dai grandi giochi
28-03-2018
Il costo di approvvigionarsi di dollari all'estero mai così alto dal 2011
22-03-2018
Mercati dei cambi impazziti dopo la Fed ieri sera ma nessuno ha notato i dati deboli e le dichiarazioni tiepide in Australia e Nuova Zelanda
20-03-2018
Mentre il mercato azionario scendeva ieri e la domanda di dollari all'estero è la più alta da dieci anni il dollaro si indeboliva. Forse domani la Fed potrebbe essere più aggressiva dl previsto