Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
24-01-2018

Draghi, Alla Corte di Re Sole

Gli Americani stanno distruggendo anni di cooperazione internazionale ma almeno sono coraggiosi. Stamattina vergognoso intervento di Draghi, che in un linguaggio da politico consumato dice che l'effetto desiderato del quantitative easing non era quello di rafforzare l'euro. In alre parole sostiene il contrario di ciò che vuole sostenere per timore di essere impallinato dai Tedeschi.Così prova a prepararsi la strada per domani dove verosimilmente dirà che il programma non scadrà a settembre. Il bizantinismo di questi burocrati europei oramai porta il pubblico a non capire più quello che dicono perché questo lascia sempre una strada aperta per dire che non lo avevano detto.
L'effetto è come al solito contrario a quello desiderato perché l'affermazione è senza senso ma salva la sedia di Draghi agli occhi di Macron e della Merkel.
Riteniamo che questa forza insensata delle divise europee, oramai contro dollaro la sterlina è molto più alta che nel pre Brexit, abbia larga probababiltà di costituire il fattore scatenante per una severa correzione dei mercati azionari.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-02-2018
Stamattina Mediobanca subentra a Jeffries ma il titolo precipita. La gente inizia a capire che le banche non garantiscono proprio nulla
11-02-2018
Il Financial Times comunica che oltre cinquemila miliardi di dollari sono investiti in prodotti che replicano gli indici. Quando la gente li compra salgono soprattutto i titoli che sono già saliti e quando rimborsano succede il contrario.
06-02-2018
L'industria del risparmio è costruita in modo da guadagnare quando le borse salgono, perché i clienti non si accorgono dei costi. Tutti prevedono un immediato rimbalzo, magari hanno ragione ma attenderemo qualche giorno per seguirli, forse perdendo parte del rimbalzo
05-02-2018
Cercare di addossare la colpa ad altri non migliora certo la visibilità dell'istituto
31-01-2018
Molto aggressivo il comunicato della Fed anche se i tassi non sono saliti, probabile correzione sui mercati azionari. Quasi inevitabil un'altra chiusura del Governo la prossima settimana negli Stati Uniti, i dollari saranno scarsi..