Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
24-01-2018

Draghi, Alla Corte di Re Sole

Gli Americani stanno distruggendo anni di cooperazione internazionale ma almeno sono coraggiosi. Stamattina vergognoso intervento di Draghi, che in un linguaggio da politico consumato dice che l'effetto desiderato del quantitative easing non era quello di rafforzare l'euro. In alre parole sostiene il contrario di ciò che vuole sostenere per timore di essere impallinato dai Tedeschi.Così prova a prepararsi la strada per domani dove verosimilmente dirà che il programma non scadrà a settembre. Il bizantinismo di questi burocrati europei oramai porta il pubblico a non capire più quello che dicono perché questo lascia sempre una strada aperta per dire che non lo avevano detto.
L'effetto è come al solito contrario a quello desiderato perché l'affermazione è senza senso ma salva la sedia di Draghi agli occhi di Macron e della Merkel.
Riteniamo che questa forza insensata delle divise europee, oramai contro dollaro la sterlina è molto più alta che nel pre Brexit, abbia larga probababiltà di costituire il fattore scatenante per una severa correzione dei mercati azionari.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-10-2018
Difficile la Prossima Commissione Europea dia supporto ai piani dell'esecutivo italiano
10-10-2018
Proteste per il mantenimento dei livelli occupazionali in una banca tecnicamente fallita e che non ha nessuna possibilità di rilancio con quello che è successo a Genova. Unito agli sgravi a ch investe in Btp e alla rottamazione un segno che nulla è cambiato con questa compagine di governo
01-10-2018
Dl primo ottobre rincari del 7,6% della luce e del 6,1% per la elettricità. Da qui parte delle coperture per la manovra scellerata dell'esecutivo. Che inoltre creano inflazione dunque aumento dei tassi
18-09-2018
Nessun dazio sui prodotti elettronici, in un gran favore ad Apple, dazi al 10% e non al 25% e porta aperta al presidente cinese per un accordo questo fine settimana al G20
17-09-2018
Anche contro il volere degli azionisti, chi lascia Londra lo fa sotto pressioni dei regolatori. Tentativo di mettere il più possibile in forse la trattativa