Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
11-04-2018

Facebook, Tutto Come Prima

Emerge dalla audizione di Zuckerberg, evidente, un coacervo di interessi della politica nei social network che probabilmente va ben oltre a quello che viene dischiuso in questi giorni.
Il numero uno di Facebook esce senza conseguenze e con affermazioni inquietanti ma tant'è, questi sono centri di potere e senza una visione politica che incida sui monopoli, si veda l'articolo di ieri su Monsanto-Bayer, andiamo decisamente verso una società sempre meno democratica.
Nei giorni scorsi di colpo ci si accorge che Youtube (ma Instagram, Snap, Spotify) può lasciare che minori sotto i tredici anni si iscrivano e vedano magari i video diffusi dall'Isis. Le conseguenze sui piccoli sono devastanti, mia figlia di quindici anni crede a tutto quello che le arriva dai social. I modi per bloccare l'iscrizione dei minorenni, almeno sotto i quattordici anni, ci sono, ma nessuno li vuole usare.
L'unica spinta al cambiamento può come al solito venire solo dal basso, ovvero dagli utenti che decidano di abbandonare l'uso dei social. Ci sembra esattamente il contrario, quelli che si disiscrivono da Facebook si iscrivono a Instagam (che è di Facebook), se già non lo avevano fatto. La gente sceglie deliberatamente di essere manipolata, con la promessa di una vita sociale virtuale,  mentre i minorenni non ne hanno neppure il vago sospetto.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

18-10-2018
Dei giorni scorsi le dichiarazioni dell'amministratore delegato di Psa sul vero livello di inquinamento della auto elettrica; disastroso calo delle vendite in Europa
15-10-2018
Difficile la Prossima Commissione Europea dia supporto ai piani dell'esecutivo italiano
10-10-2018
Proteste per il mantenimento dei livelli occupazionali in una banca tecnicamente fallita e che non ha nessuna possibilità di rilancio con quello che è successo a Genova. Unito agli sgravi a ch investe in Btp e alla rottamazione un segno che nulla è cambiato con questa compagine di governo
01-10-2018
Dl primo ottobre rincari del 7,6% della luce e del 6,1% per la elettricità. Da qui parte delle coperture per la manovra scellerata dell'esecutivo. Che inoltre creano inflazione dunque aumento dei tassi
18-09-2018
Nessun dazio sui prodotti elettronici, in un gran favore ad Apple, dazi al 10% e non al 25% e porta aperta al presidente cinese per un accordo questo fine settimana al G20