Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
07-05-2018

Farmaceutici, Quali i Più Colpiti dai Tagli ai Prezzi

Alcuni si spingono a dire che i prezzi dei farmaci siano in alcuni casi cinque volte quelli che giustificherebbero un giusto profitto: nel campo delle terapie staminali i primi farmaci in commercio hanno prezzi assolutamente non sopportabili nè dal privato nè tantomeno dai sistemi sanitari. La cura di Gilead in campo oncologico costa qualche centinaio di migliaia di dollari.

Ma le aziende che hanno terapie in campi critici (Hiv, Oncologia), hanno già ampiamente scontato nei prezzi gli effetti sul loro conto economico: e nei campi dove le terapie sono più costose crediamo vi sarà un generale ampliamento delle applicazioni a campi più diffusi, di solito all'inizio queste terapie vengono applicate a forme rare, quindi mpattano poco sul conto economico.

Ci sembrano più a Rischio i grossi gruppi diversificati come Pfizer o Bristol Myers. L'impatto è evidentemente anche sulle case europee perchè il mercato statunitense è importante e perché se le case americane abbassano i prezzi lo dovranno fare anche le loro controparti di oltre oceano.

Qui Trump avrà un appoggio apolitico da parte dei cittadini e nonostante i centosssanta milioni spesi dall'industria farmceutica l'nno scorso in attività di lobby è molto probabile che la abbia vinta, con un beneficio chiaro per i consumatori https://www.nytimes.com/2018/05/06/us/politics/trump-drug-prices-lobbying.html
Da attendersi ulteriori operazioni di consolidmento nell'industria, soprattutto nel campo delle malattie rare che è quello dove vi è meno spazio per la riduzione dei prezzi https://www.nasdaq.com/article/report--takeda-sees-in-shire-a-key-to-new-drug-discovery-20180506-00008

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

24-05-2018
Da verbali della Fed considerazioni molto meno aggressive del previsto. Tassi sul decennale che scendono e dollaro a nostro parere verso indeboilmento
23-05-2018
Dopo le dichiarazioni di Conte c'è da attendersi un governo che non farà nulla ,sul piano economico, di quanto scritto nel contratto di governo
23-05-2018
Imbarazzante mancanza di assunzione di responsabilità da parte del Presidente della Repubblica, non una parola sui programmi
18-05-2018
Il petrolio ha raggiunto prezzi non giustificati dalla domanda, sulle sanzioni all'Irane e quelle possibili che gli Stati Uniti imporrebbero al nuovo governo di Maduro dopo le elzioni di domenica prossima
17-05-2018
Continuiamo ad avere forti dubbi sulle prospettive della borsa italiana