Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
27-11-2017

Giappone, Verso una Normalizzazione dei Tassi

Da mesi riteniamo che il Giappone debba andare gradualmente ad allinearsi alle altre banche centrali nella riduzione degli stimoli monetari e che questo risulterà in una fortissima rivalutazione dello yen. La divisa giapponese già non è ai livelli cui quasi tutte le prinicipali case di investimento prevedevano sarebbe stato a fine anno ovvero intorno a centoventi yen per dollaro, m crediamo abbia spazio enorme per rivalutarsi ulteriormente. 
Dalla settimana scorsa il governatore della Banca del Giappone è più esplicito nel considerare l'ipotesi https://www.ft.com/content/e823fd6a-fd59-351b-a306-ff749142d436 anche se in molti scommettono che attenderà la propria riconferma, prevista ad aprile del prossimo anno per prendere decisioni che Abe potrebbe non gradire.
La carenza di personale https://www.ft.com/content/b3c9a338-d27c-11e7-8c9a-d9c0a5c8d5c9 porta le azende giapponesi a offrire più contratti a tempo indetermnato e a un necessario aumento dei salari: è l'unica condizione in cui si può creare il tipo di Inflazione che si augurano i bancheri centrali, quella classica dove a un aumento dei prezzi corrisponde una diminuzione della disoccupazione.
La Boj è ancora meno indipendente dal potere politico di quanto siano le omologhe occidentali (ma almeno lo si sa senza inutil ipocrisie): il secondo mandato del governatore avviene per nomina diretta dell'esecutivo. Ma se l'istituto non interviene con largo anticipo a sterilizzare la pressione che arriva dalla carenza di lavoro 8che sarà sempre più acuta, per il progressivo invecchamento della popolazione) i tassi nominali saliranno comunque in Giappone, con un effetto esplosivo sulla spirale dello stock di debito pubblico.
Nell'ultima nostra newsletter (che continueremo, a pubblicare solo in area riservata tranne che per il primo mese in cui un sottoscrttore si registra al sito) ribadiamo come invece in Occidente non sembrino esservi le condizioni per una ripresa stabile dell'nflazione da domanda. Il Giappone è l'unica economia di vecchia industrializzazione dove queste condizioni possono invece materializzarsi.
Sullo yen è probabile dunque che succeda nel 2018 quello che è successo sull'euro nello scorso anno: anche marginali segnali di inversione nelle politiche monetarie porteranno con ogni probabilità a una forte rivalutazione della divisa e a una caduta del mercato di borsa giapponese, su cui la banca del Giappone sta comprando a man bassa.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

01-12-2017
I dati di inflazione diffusi in settimana sembrano confermare quanto indicavamo nella scorsa newsletter; e nonostante il massiccio intervento da parte della Fed per indebolire il dollaro, pongono le basi per un suo deciso rafforzamento
23-11-2017
Chi sottoscrive questi strumenti dovrà sempre più capirne il contenuto perché da qui possono passare grosse fette delle operazioni di sistemazione delle sofferenze bancarie. I conti di Astaldi e l'emissione obbligazionaria di Salini Impregilo (tasso 1,75% scadenza 2024) dovrebbero aprire gli occhi
19-11-2017
Ancora una volta il consorzio di "garanzia" può recedere dalla garanzia a suo piacimento. Colossale raggiro che continua, con buona pace della Consob, della commissione di vigilanza delle banche, di Banca d'Italia. Dubitiamo fortemente che questa clausola sia chiara ai piccoli azionisti che subiranno il pressing martellante dei funzionari di Carige perché sottoscrivano le centinaia di milioni che mancano
16-11-2017
Il Tesoro cederà altre quote di partecipate a CdP che per il solito trucco contabile non è consolidata dunque il debito pubblico appare in discesa. Operazioni finanziate con il risparmio postale degli Italiani a cui non viene invece proposto di comprare altre quote di Enav in borsa, che non vorrebbe nessuno
16-11-2017
Le azioni di sostegno si concentrano sempre nell'ultima mezz'ora di borsa e sempre su titoli del comparto finanziario. La borsa ha bruciato molti più punti percentuali di quanto appaia dall'indice- Nella prossima newsletter una descrizione con un esempio pratico verificabile di come "intelligenza artificiale" stia diventando il metodo più stupido per dirottare capitali in posti malsani, con evidente detrimento per aziende meritevoli che soprattutto in Italia avrebbero bisogno di un'alternativa alle banche