Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
29-01-2019

Huawei, Trump Non Ci Sta a Perdere

Alcuni sostengono che il rallentamento cinese dipenda dal peso sempre maggiore che il governo darebbe alle aziende propriamente statali nella distribuzione del credito https://phastidio.net/2019/01/28/crisi-cinese-la-virata-che-sa-di-antico-aziende-statali-come-volano-industriale/

La distinzione tra pubblico e privato in Cina sembrerebbe più sottile di quanto questa ipotesi rappresenti, ma per l'ammnistrazione americana nulla va lasciato intentato: se i dazi non funzionano si prova a combattere una delle maggiori minacce per il comparto tecnologico americano.

Che i dazi proprio non funzionino lo si vede ieri dai conti di Caterpillar: le aziende americane che esportano in Cina prodotti tradizionali, legati alle oepre pubbliche e alla agricoltura, subiscono più di chiunque altro il rallentamento.
Difficile fare previsioni sui conti di Apple stasera ma che da un pò' di tempo il mercato sia inondato da prodotti ricondizionati, dai telefoni ai Mac, offerti anche direttamente da Cupertino e non solo attraverso i rivenditori, è un dato di fatto ed una svolta epocale per un gruppo sempre dedito all'ultimo modello. Se come si sente dire in Cina proprio vi è ostracismo oramai verso i prodotti Apple, quella di stasera potrebbe essere una trimestrale che marca in modo definitivo il so ingresso tra il novero delle società mature.

Ci sarà dunque probabilmente qualcosa di vero nelle accuse mosse a Huawei https://edition.cnn.com/2019/01/28/business/huawei-charges/index.html che in sostanza indicano nella società la lunga mano del governo cinese per carpire segreti agli Americani. Ma che questo sia oggi l'uso principale della tecnologia, carpire segreti pubblici e privati, lo sanno bene anche i giganti americani, da Facebook a Google; questo calvinismo apparente fa dunque un pè sorridere.
La conclusione, se l'amministrazione americana non risce a imporrsi sulle misure antimmigrazione, se i dazi non funzionano si prova a combattere i Cinesi sul campo in cui gli Americani hanno ancora supremazia;  e visto che il confine tra pubblico e privato in Cina probabilmente non esiste, chi ne farà sempre più le spese saranno gli esportatori americani in Cina, come Caterpillar. Dopotutto Huawei ha comunque un mercato di un miliardo di persone su cui prosperare, anche se fosse bandita da Europa e Stati Uniti.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

16-04-2019
Petrolio in ritirata, multa miliardaria a Unicredit, risultati delle banche americane, concentrarsi sull'Asia
11-04-2019
Merkel, in aperto contrasto con Macron propone di concedere un rinvio di sei mesi. anche alla luce del Def , che impone un intervento forte dell'Europa sul governo italiano Selezioni sul mercato di Londra sia al portafoglio europeo che a quello mondiale
09-04-2019
In questo lungo teatro ora la May verso le elezioni europee, ma Macron, in un afflato di nazionalismo di altri tempi si oppone. Francia probabile perdente nella contesa e borsa di Parigi poco attraente, soprattutto se il bersaglio della amministrazione americana diventa come sembra l'area euro. Grandi occasioni in Gran Bretagna, se questo scenario è come probabile realistico. Rolls Royce potrebbe beneficiare delle nuove paure su General Electric
29-03-2019
Incrociando diversi dati pubblicati dal Sole in questi giorni è chiaro che anche andando a recuperare tutta l'evasione, il rapporto deficit/Pil continuerebbe ad aumentare
18-03-2019
La decisione di bloccare ING, che usa le stesse procedure antiriciclaggio delle banche italiane, è un bell'aiuto agli istituti domestici ma segnala una situazione di crisi. Con l'eccezione di Banca Ifis settore crediamo da evitare completamente