Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
30-05-2017

Ilva, un Favore alle Banche

Rilancia la cordata di Jindal e non si capisce perchè il governo dovrebbe accettare l'altra proposta che prevede meno occupazione e vede coinvolto il gruppo Marcegaglia che ha qualche problemino da risolvere con la ex Banca Agricola Mantovana, assorbita  da MPS.   Nè loro nè Mittal nè Intesa tirano fuori una lira, il prezzo di acquisto è di 1,5 miliardi che arrivano dai soldi sequestrati ai Riva. Il Tesoro garantirebbe un' Obbligazione di pari importo e incasserebbe i soldi del sequestro, un colpaccio, soprattutto pensando che in Puglia nessuno della allora amministrazione sembra essere stato responsabile ai tempi di Riva. 

Poi vi è il piano di investimenti ma lì è tutto da vedere se poi viene realizzato, come mostra la storia della società. Jindal ora offre 1,8 miliardi e ha un piano di investimenti più cospicuo e di maggior rispetto ambientale. Probabile che Intesa debba rientrare di qualcosa.

Fare acciaio in Italia non ha più molto senso, con giganti come Posco che hanno costi di produzione circa della metà. Ma ne ha ancora meno se si manda a casa la metà degli operai in un progetto che senza il miliardo e mezzo sequestrato ai Riva non starebbe in piedi.

Il vecchio Riva era stato forzato a comprare quote in Alitalia e per tutte le responsabilità accumulate è stato l'unico a pagare. 
Si ha proprio la sensazione che la politica non voglia prendere alcuna decisione prima delle elezioni, oggi sul rifiuto di Atlante di entrare nelle banche venete si convoca un nuovo consiglio per discutere non si sa bene di che cosa.
Ma a giudicare dalle larghissime alleanze che si potrebbero formare per la prossima legislatura dopo le elezioni sarà ancora più difficile che vengano prese decisioni giuste; sino al punto di rottura.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

01-12-2017
I dati di inflazione diffusi in settimana sembrano confermare quanto indicavamo nella scorsa newsletter; e nonostante il massiccio intervento da parte della Fed per indebolire il dollaro, pongono le basi per un suo deciso rafforzamento
27-11-2017
Yen destinato a rafforzarsi pesantemente, al normalizzarsi della politica monetaria. Unica grande economia dove la carenza di forza lavoro, anche determinata dall'aumento dell'età media può creare inflazione da domanda, per la prima volta in vent'anni
23-11-2017
Chi sottoscrive questi strumenti dovrà sempre più capirne il contenuto perché da qui possono passare grosse fette delle operazioni di sistemazione delle sofferenze bancarie. I conti di Astaldi e l'emissione obbligazionaria di Salini Impregilo (tasso 1,75% scadenza 2024) dovrebbero aprire gli occhi
19-11-2017
Ancora una volta il consorzio di "garanzia" può recedere dalla garanzia a suo piacimento. Colossale raggiro che continua, con buona pace della Consob, della commissione di vigilanza delle banche, di Banca d'Italia. Dubitiamo fortemente che questa clausola sia chiara ai piccoli azionisti che subiranno il pressing martellante dei funzionari di Carige perché sottoscrivano le centinaia di milioni che mancano
16-11-2017
Il Tesoro cederà altre quote di partecipate a CdP che per il solito trucco contabile non è consolidata dunque il debito pubblico appare in discesa. Operazioni finanziate con il risparmio postale degli Italiani a cui non viene invece proposto di comprare altre quote di Enav in borsa, che non vorrebbe nessuno