Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
01-12-2017

Inflazione, Non Arriverà Mai

Le ultime letture per l'Inflazione, sono inferiori alle aspettative in area euro (1,4%) in linea negl Stati Uniti (1,6%) più basse in Giappone (0,2%).

La sensazione è che la Fed intervenga pesantemente non già sul mercato dei cambi, impossibile da controllare direttamente per le sue dimensioni enormi (più o meno cento volte il Pil del globo), ma con acquisti sulla parte lunga della curva dei tassi, ora ild ecennale è al 2,4%.

Se è come immaginiamo, la Fed cerca di contenere i tassi a lunga per evitare che all'eventuale approvazione di una riforma fiscale, al senato una larga frangia discute per un'applicazione ridotta e più compatibile con le esigenze di bilancio pubblico, corrisponda un'impennata del decennale sopra al tre per cento, che con ogni probabilità porrebbe fine al ciclo di rialzi di borsa (larga aprte delle politiche monetarie favoriscono più la borsa che l'economia reale).

E pur con questa operazione i tassi sul decennale americano sono molto più alti che in Italia, il che è completamente illogico data la differente qualità di credito. Va notato che da noi il dato di Inflazione comprende il prezzo di cibo e materie prime, entrambe in forte salita durante l'ultimo anno: al netto di queste componenti il differenziale di Inflazione è ancora più marcatamente a favore degli Stati Uniti dove c'è vera ripresa della domanda.

Le banche centrali proprio non si parlano tra loro e sembrano ignorare che l'affermazione delle cripto-valute dipende proprio dalla loro mancanza di coordinamento e dall'asservimento a criteri politici. Regolare quel mercato è impossible, bisogna solo attendere che qualcosa vada veramente storto (una transazione di denaro sospetto, un crollo del 50% di Bitcoin o Ethereum). Quando i loro prezzi imploderanno si saranno create le condizioni per un fortissimo rialzo del dollaro, che oggi nessuno sembra più considerare moneta d riferimento.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

27-11-2017
Yen destinato a rafforzarsi pesantemente, al normalizzarsi della politica monetaria. Unica grande economia dove la carenza di forza lavoro, anche determinata dall'aumento dell'età media può creare inflazione da domanda, per la prima volta in vent'anni
23-11-2017
Chi sottoscrive questi strumenti dovrà sempre più capirne il contenuto perché da qui possono passare grosse fette delle operazioni di sistemazione delle sofferenze bancarie. I conti di Astaldi e l'emissione obbligazionaria di Salini Impregilo (tasso 1,75% scadenza 2024) dovrebbero aprire gli occhi
19-11-2017
Ancora una volta il consorzio di "garanzia" può recedere dalla garanzia a suo piacimento. Colossale raggiro che continua, con buona pace della Consob, della commissione di vigilanza delle banche, di Banca d'Italia. Dubitiamo fortemente che questa clausola sia chiara ai piccoli azionisti che subiranno il pressing martellante dei funzionari di Carige perché sottoscrivano le centinaia di milioni che mancano
16-11-2017
Il Tesoro cederà altre quote di partecipate a CdP che per il solito trucco contabile non è consolidata dunque il debito pubblico appare in discesa. Operazioni finanziate con il risparmio postale degli Italiani a cui non viene invece proposto di comprare altre quote di Enav in borsa, che non vorrebbe nessuno
16-11-2017
Le azioni di sostegno si concentrano sempre nell'ultima mezz'ora di borsa e sempre su titoli del comparto finanziario. La borsa ha bruciato molti più punti percentuali di quanto appaia dall'indice- Nella prossima newsletter una descrizione con un esempio pratico verificabile di come "intelligenza artificiale" stia diventando il metodo più stupido per dirottare capitali in posti malsani, con evidente detrimento per aziende meritevoli che soprattutto in Italia avrebbero bisogno di un'alternativa alle banche