Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
27-03-2019

Investimenti, Fuga dalle Azioni Verso le Obbligazioni, a Rendimento Negativo

Bond-e-scaricano-azioni-100144.shtml?uuid=ABZjowhB">https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2019-03-26/perche-mercati-stanno-puntando-tutto-Bond-e-scaricano-azioni-100144.shtml?uuid=ABZjowhB sembra incredibile ma collettivamente i risparmiatori stanno riversando una quantità di denaro enorme su obbligazioni per cui devono pagare per possederle, circa dieci mila milardi di debito hanno rendimento negativo mentre i deflussi dall'azionario in un inizio anno tra i migliori della storia sono consistenti.
Parte della responsabilità è sicuramente di chi vende i proodotti finanziari: tutti o quasi i venditori vendono sempre la cosa per cui possono mostrare i migliori risultati recenti; ne consegue che mediamente il risparmiatore è attratto all'azionario proprio quando dovrebbe uscirne e viceversa.
Altra parte della spiegazione sta nel fatto che tutti o quasi i risparmiatori identificano le prospettive dell'economia con quelle della borsa: su base statistica non vi è nessuna relazione tra  andamento del ciclo economico e ciclo di borsa; l'ivestimento in borsa è sempre funzione delle valutazioni relative, vi possono come succede su alcuni settori oggi essere prospettive economiche non positive ma che sono scontaste molto pessimisticamente dal mercato. Per questo bisognerebbe comprare titoli e non fondi perché le distorsioni a livello di singoli titoli sono ampie, mentre i gestori di fondi comprano esattamente o quasi quello che contiene l'indice.
Poi vi è una considerazione su cui mi aveva illuminato un lettore: il piccolo investitore privato guarda ai guadagni di borsa come un modo per finanziare le sue esigenze di spesa corrente, confronta quindi sistematicamente qualcosa che può misurare diciamo in due anni con le sue esigenze di spesa a un mese: entra dunque sempre sulla base di quello che legge sui giornali dovrebbe farlo guadag. Oltre che tra giudizi degli analisti e risultati, non esiste nessuna relazione tra le previsioni dei giornalisti e i risultati.
Infine in Italia, alla vigilia del primo rendiconto da cui emergeranno i costi sopportati dai risparmiatori, le reti di vendita hanno sapientemente portato mplti clienti sulle polizze assicurative a gestione separata, dove non si vedono nè i costi nè i veri risultati. Esse sono costiutite in larga parte da titoli di stato anche se il risparmiatore paga caricamenti mediamente tra l'uno e il due per cento, dunque la spinta sull'obbligazionario.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni