Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
19-12-2018

Manovra, I Numeri Non Tornano Ma In Europa Nessuno Vuole Responsabilità

E' tutto un far marcia indietro in questi giorni: anche con la Gran Bretagna, dopo le prime dichiarazioni "inflessibili" di Juncker ieri Bruxelles apre a concessioni sul testo "Brexit" che già era stato approvato dal Parlamento Europeo.
In Italia, al di là del cattivo gusto del Tesoro di anticipare l'accordo, si legge stamane  https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-12-18/manovra-fonti-tesoro-raggiunto-l-accordo-la-commissione-ue-184457.shtml?uuid=AEB7g11G che due sarebbero i pilastri su cui si fonderebbe l'approvazione di Bruxelles: un taglio di spesa di ulteriori tre miliardi ( e questo porterebbe il deficit intorno ll'1,8%) e una riduzione del Pil atteso dall'1,5% all 1%.
Se il Pil scende quanto o più della riduzione del deficit i saldi incrementali del debito italiano rimangono, se la matematica conta ancora qualcosa, invariati dunque il rapporto stock di debito/Pil sale.
Ma Bruxelles sembrerebbe orientata a una matematica più creativa, che non sancisca la impossibilità, con questi numeri, di un pareggio di bilancio nenanche nel 2021. La flat tax infine, di cui però ultimamente non si parla più, rende impossible la realizzazione di un budget europeo, quello sancito formalmente la scorsa settimana su richiesta di Macron, perché per averlo bsogna avere convergenza fiscale trra gli stati membri.
Con questa Legge di Bilancio, seppur modificata, l'italia è condannata a una recessione in stile anni 70: alti tassi di interesse e crescita nulla; anche la previsione all'uno per cento è una chimera, il reddito di cittadinanza non crea crescita e la controriforma Fornero non fa trovare lavoro ai giovani.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

18-03-2019
La decisione di bloccare ING, che usa le stesse procedure antiriciclaggio delle banche italiane, è un bell'aiuto agli istituti domestici ma segnala una situazione di crisi. Con l'eccezione di Banca Ifis settore crediamo da evitare completamente
11-03-2019
Furstenberg silura l'ottimo gestore Bossi; la banca è interessante da comprare dopo il crollo di stamane. Molte analogie con la gestione di Juventus, solo al contrario. Fca nel frattempo fa marcia indietro sul diesel (finalmente)
08-03-2019
aIl tasso che viene indicato da Draghi è quello MRO, ma non è specificato dove sarò il tasso al momento dell'operazione
07-03-2019
Sponsorizzata da aziende delle telecomunicazioni, dellì'automobile, del finanziario può aiutare a capire se davvero questa cosa dell'intelligenza artificiale cambierà il mondo
07-03-2019
Difficile che Draghi ceda alla pressione di banche e stampa finanziaria domestica, sempre più mercenaria