Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
30-05-2017

Mattarella Da la Sveglia, Auspicabile lo Faccia Anche sulle Banche

La borsa la prende male (in questi mercati viene premiato la stabilità, pe quanto inaccettable) ma riuscire a far concordare le parti su elezioni prima della fine della legislatura con una legge elettorale equa sarebbe un gran servizio al paese e alle sue speranze di ripresa; sembra, a giudicare dalle dichiarazioni dei politici, sarebbe stato il Presidente della Repubblica a guardare, finalmente, oltre gli opportunismi di breve termine.

E' un tema più tecnico ma si ricorderà che già con il precedente governo si era cercato di convolgere i fondi della previdenza complementare nel salvataggio delle banche. L'esclusione dal bail-in di questi operatori riapre il tema, che  responsabili dei fondi negoziali hanno spesso barattato contro favori.
Speriamo che anche in questo caso Mattarella intervenga, perchè per salvare un pò di banche fallite qui si mette in discussione quel poco di stato sociale che ancora rimane.

Stupisce il silenzio dei sindacati, probabilmente per incompetenza: tanto chiasso intorno ai voucher ma qui parliamo di problemi ben più gravi: bail-in o meno non è con un miliardo di denaro privato che si salvano le banche venete, mentre è denaro perso certamente per i sottoscrttori dei fondi. Quando le banche falliranno, e falliranno essere o meno inclusi nel bail-in non farà alcuna differenza: i fondi pensione non dovrebbero nemmeno prendere in considerazione titoli di aziende passibili di bail-in.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-06-2017
Dovrebbe Salvare l'Europa Secondo l'Economist , Intanto Blocca le Acquisizioni in Francia
07-06-2017
Marcegaglia annuncia appena aggiudicatasi l'asta che cederà subito la quota ad Intesa, che così spera di fare un colpaccio e rientrare dai crediti con il gruppo. Paese allo sbando
06-06-2017
Mesi fa indicammo come la crescita della produzione industriale dichiarata non era compatibile con i dati di consumi elettrici. Ora la crescita del Pil "migliore delle attese" attribuita a consumi e servizi
06-06-2017
Draghi giovedì rassicurerà sulla estensione delle manovre monetarie e indebolirà con ogni probabilità l'euro, ma l'Italia ora se la deve vedere da sola. Pessima decisione sull'Ilva che getta discredito sulle politiche economiche del paese
01-06-2017
Padoan chiede di ridurre gli aggiustamenti allo 0,3 del Pil, per evitare le clausole di salvaguardia; dieci miliardi in meno di quanto richiesto da Bruxelles. Mentre su MPS l"accordo preliminare" annunciato oggi non prevede ancora il via libera della BCE: sei mesi di "approfondimento" per un comunicato qui allegato degno del marchese del Grillo