Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
06-07-2018

Occupazione Americana, Trump Funziona, Almeno Per Altri Sei Mesi

La Fed conferma ieri sera la piena occupazione negli Stati Uniti, che però s riferisce a coloro che sono occupati attivamente; chi non cerca lavoro per un anno e mezzo sparisce dalla forza lavoro ufficiale in America (anche noi a manipolazione dei dati sul lavoro non scherziamo).
Quelli che rimangono fuori è perché non sono in grado in industrie non tradizionali di trovare un lavoro. Il lavoro lo possono trovare se si riportano negli Stati Uniti le catene di montaggio e le altre industrie a basso valore aggoiunto: qui Trump ha il suo bacino di voti più significativo ma ha solo qualche mese prima delle elezioni di metà mandato.
Ci aspettiamo dunque mesi di dti economici molto forti sul piano del mercato del lavoro. 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

20-03-2019
L'attacco alla fusione Deutsche Commerzbank e alla valutazione a mercato dei titoli di stato un modo sicuro per trovare i Tedeschi contrari alle nostre aggregazioni.
11-03-2019
Weber, candidato alla successione di Juncker, dopo la Bundesbank e la presidenza di UBS. Sinché non si impedisce a funzionari pubblici di entrare nelle banche e viceversa con i banchieri, il sistema finanziario non funzionerà mai correttamente
08-03-2019
La decisione della Fed di rilasciare i requisiti patrimoniali delle banche sembra contrastare con il livello di debito di alcuni gruppi industriali, come Inbev: ma sono operazioni del passato, ora le aziende giocano con i prezzi di borsa per finanziarsi
07-03-2019
Alla base la preoccupazione che i Cinesi, sfruttando lo scioglimento dei ghiacci, taglino le vie del commercio più a nord
07-03-2019
Ai massimi storici, in barba ai dazi e a una ripresa delle esportazioni, dalla grande crisi, superiore a quella delle importazioni. Draghi se non vuol far arrabbiare troppo gli Americani già imbufaliti con l'Italia per l'apertura anarchica alla via del commercio cinese, non può mandare grandi segnali di ulteriore espansione nella politica monetaria