Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
06-03-2018

Ora Davvero a Rischio le Partecipate

Il gioco dei conferimenti di società partecipate a CdP è sempre stato un modo per fare apparire inferiore il debito dello stato. Le partecipate che escono dal perimetro di Consolidamento per entare in CdP non pesano più con il loro indebitamento sul rapporto ufficiale di stock di debito pubblico perché per una falsificazione contabile che se fosse fatta da una azienda privata sarebbe nel penale, le aziende che entrano in Cdp smettono di essere consolidate nel bilancio dello stato.
Così per Saipem che però sembrerebbe che per essere "acquisita" da CdP si sia sottoposta a una cura di bellezza. In effetti motivi per cui CdP si prenda in carico Poste o Saipem non ce ne sono se non quelli di rispettare falsamente le regole imposte dalla UE anche in materia di privatizzazioni (queste appaiono come privatizazioni, perchè appunto CdP non è consolidata).
E' chiaro che nelle more di un nuovo esecutivo questi giochetti diventano sempre più difficili mentre  vertici di tutte le partecipate sono controllati da uomini di marca PD.
La posizione di Renzi di eri sera aggrava di molto l'impasse, oltre a non mostrare alcun senso dello stato.
Se come titola il Sole stamane il Pd potrebbe essere di appoggio, magari esterno, a un governo bisogna che l'uomo sia messo da parte velocemente, a iniziativa del suo stesso partito.
Le conseguenze in borsa per la galassia delle partecipate saranno altrimenti molto pesanti, la falsa calma di ieri non durerà a lungo.
Giovedì Draghi, il cui futuro, se mai lo avesse voluto, non sarà oramai certo più in Italia, potrà forse rischiare qualcosa di suo ora che la Germania ha un governo. E smettere di ripetere la solita cantilena per provare, incisivamente, a indebolire l'euro. Dopotutto non vi sono altri modi perché l'Inflazione possa ripartire.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

18-09-2018
Nessun dazio sui prodotti elettronici, in un gran favore ad Apple, dazi al 10% e non al 25% e porta aperta al presidente cinese per un accordo questo fine settimana al G20
17-09-2018
Anche contro il volere degli azionisti, chi lascia Londra lo fa sotto pressioni dei regolatori. Tentativo di mettere il più possibile in forse la trattativa
06-09-2018
L'ilva non assumerebbe come invece dicono i giornali ma manterrebbe i livelli di occupazione. Scherno sugli obiettivi ambientali, Mittal si impegna non a diminuire ma a non aumentare le emissioni iinquinanti
21-08-2018
Il dibattito tra statalizzazione e "laissez faire" è impossibile in un paese con l centoquaranta per cento (includendo CdP) di rapporto tra stock di debito e Pil. Bisognerebbe caso mai vigilare sul fatto che quando colossi tipo Telecom vengono privatizzati non vi sia un sistema di corruzione che alimenta la politica
15-08-2018
Responsabilità condivisa l’organo amministrativo dovrebbe vigilare sui concessionari sul cui processo di assegnazione vige in Italia la completa oscurità