Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
06-06-2017

Per Chi Non Vuole Investire Fuori dall'Italia Ora Solo Obbligazioni AAA a Breve

Nonostante la gravità della situazione i comportamenti non cambiano: giustamente Jindal e Del Vecchio minacciano di ricorrere contro la decisione del governo di assegnare a Marcegaglia e Mittal l'Ilva, con più licenziamenti, meno soldi, rischi di Antitrust e minori vincoli ambientali, in barba alle dichiarazioni sul rispetto degli accordi di Parigi. Qui si sta facendo un favore a qualcuno, probabilmente alle banche. Il gruppo Marcegaglia dovrebbe prima coprire i buchi con MPS invece di lanciarsi in promesse di investimenti che non può fare. I soldi iniziali arrivano dal sequestro Riva ma a seguire bisogna fare investimenti.

Continuiamo a vedere che la stragrande maggioranza di coloro che sottoscrivono i nostri servizi lo fanno sul mercato italiano, il che ci fa desumere che questo succeda anche con gli operatori del risparmio gestito, in particolare con tutta la pressione che viene esercitata per l'acquisto di Pir.

La situazione è gravissima, per le banche di soluzioni non ce ne sono e i buoni postali, nonostante la pubblicità demagogica che bombarda in televisione non sono una Opzione. Poste oramai è una banca e il Rischio che infarcisca i portafogli d Poste Vita con cartolarizzazioni di sofferenze bancarie è molto concreto.

Se proprio si vuole rimanere in euro si comprino Bei a breve scadenza massimo uno o due anni; magari si perde un'altra fiammata spinta dalle stupidaggini che si leggono sui giornali o dalle possibili rassicurazioni d Draghi giovedì, ma ci si mette al riparo da rischi ben più gravi. Per tornare sulla borsa italiana, razionalmente, bisogna aspettare che passino le elezioni tedesche e verosimilmente anche quelle italiane.

Tenere soldi in conto corrente non è una buona idea, ci pare che alcune banche stiano registrando problemi di liquidità.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

16-12-2017
Esce nella sua versione finale ieri sera una riforma che ritenevamo impossibile passasse. La tassa sulle liquidità detenute all'estero dalle imprese, in molti casi inapplicabile in base ai trattati internazionali, renderà l'economia americana meno internazionale. In un paese povero di materie prime del futuro vuol dire consegnarsi in mano cinesi. Qualche idea di investimento nella newsletter di oggi
14-12-2017
E'quando gl interessi della politica e delle istituzioni di nomina politica confliggono che l'economia diventa ingestibile. A breve presumibile che il conflitto si estenda a larga parte dell'area euro con Bce e nuovo governo tedesco in aperto conflitto
14-12-2017
Cade il divieto per i fornitori di favorire certi canali. Cade anche il divieto per regolarne i costi come se si trattasse di un servizio di pubblica utilità. La rete è un villaggio globale, se cade l'imparzialità negli Stati Uniti cade anche in Europa
08-12-2017
Da dicembre cambiano le norme antiriciclaggio in Europa e in Italia non vi è più obbligo di tracciare le transazioni sopra i quindicimila euro. Inutili i tentativi dei banchieri centrali se le norme favoriscono le transazioni sporche
07-12-2017
"Estremamente soddisfatto" l'amministratore delegato. Equita da sola dovrebbe coprire centoventi milioni