Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
15-04-2005

Prestito personale: cosa e' il pegno

Il pegno

Con questa garanzia - che può avere ad oggetto beni mobili o crediti - il garante (cliente debitore ) assicura al creditore (banca) il soddisfacimento di un credito con preferenza rispetto
agli altri creditori.
La garanzia, nel caso di beni mobili, si costituisce con la consegna al creditore della cosa
o del documento che conferisce l’esclusiva disponibilità della cosa stessa.
Quando oggetto del pegno sono crediti, la garanzia si costituisce con atto scritto e con la notifica al debitore del credito dato in pegno ovvero con l’accettazione del debitore stesso con scrittura avente data certa.

Tra i principali rischi, va tenuto presente che in caso di inadempimento dell’Obbligazione garantita con il pegno, la banca può far vendere, con il preavviso pattuito, il bene dato in garanzia.

Vuoi un modo semplice per risolvere una necessità Finanziaria momentanea, o per soddisfare un desiderio ? puoi chiedere alla tua Banca una soluzione tramite credito su pegno, garantendoti:
Custodia del bene.
Trasparenza delle condizioni.
Riscatto esercitabile in qualsiasi momento.
Nessuna indagine patrimoniale.


Il pegno nacse dal fatto che non tutti hanno a disposizione le garanzie opportune al momento in cui si richiede un prestito.

In un’inchiesta condotta da il Sole 24Ore ,il quotidiano economico presenta le diverse soluzioni offerte dalle banche del pegno e delle altre agenzie nate in America per garantire prestiti.
A interessi spesso da usura che possono raggiungere il 300% all’anno.
Il prestito a pegno è una forma di credito con la quale il cliente consegna alla banca un oggetto ceh la banca non puo' vendere fino al termine prestabilito.

Se entro il temine stabilito per la restituzione il cliente non adempie, la banca vendera' il bene.
In questo modo la banca diventa un deposito sui cui scaffali si affollano merci di ogni genere e di diverso valore.
Cash America nel 2002 ha stimato che le banche hanno ricavato 246 milioni di dollari dalla vendita di materiale non riscattato .

Il pegno rappresenta a volte l'unica alternativa per quei soggetti che non possono accedere a un conto corrente.
I tassi di interesse sui prestiti di pegno sono alti e si attestano intorno al 15-20% per il periodo interessato, cioe' su base annua il 200% o più.


Secondo Deutsche Bank: "Accanto al prestito dietro garanzia di pegno esistono altre forme attraverso cui il sistema finanziario viene incontro alle famiglie; soprattutto a quelle che non hanno possibilità di mettere da parte neanche un centesimo per costituire la garanzia richiesta dalle banche per gli anticipi di denaro. E così alcune società si sono inventate la ‘payday loan’ per far concorrenza alle banche di pegno e arrivano a chiedere fino a 40-50% di interesse sulla somma finanziata. Si tratta di un credito concesso dietro al garanzia del proprio futuro stipendio. Visto che in America le retribuzioni vengono corrisposte ogni 15 giorni, i debitori firmano un assegno pari alla somma pattuita che la banca riscatterà se la somma anticipata non viene restituita.

Dietro queste apparenti opere di beneficenza si nasconde un vero e proprio business che si speculando a danno dei più deboli finanziariamente, quanti cioè vivono giorno per giorno senza alcuna fonte fissa di credito su cui contare. Si tratta infatti di affari particolarmente remunerativi se si pensa che oltre a lucrare su interessi spesso altissimi, le agenzie riscuotono non di rado il prezzo dei beni messi in vendita per crediti non riscossi "


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni