Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
25-05-2005

Prestito personale: la cessione del quinto dello stipendio

I dipendenti Statali, Parastatali, degli Enti Locali e delle grandi aziende, titolari di uno stipendio fisso e continuativo, hanno la possibilità di ottenere un finanziamento la cui restituzione si effettua con trattenuta diretta sulla retribuzione. Tale trattenuta non può, per legge, superare la 5^ parte degli emolumenti mensili.

Da qui la denominazione "Cessione del Quinto dello Stipendio".

Lo Stato è intervenuto con il DPR 180 del 5/1/50 e con il successivo regolamento di attuazione DPR 895 del 28/7/50 per disciplinare la materia.

Fra i dipendenti statali che possono contrarre la Cessione ci sono anche tutti i dipendenti delle Forze Armate: Aereonautica, Marina Militare, Esercito, Pubblica Sicurezza, Carabinieri.

I dipendenti PARASTATALI,degli ENTI LOCALI e delle AZIENDE con CAPITALE PUBBLICO che possono contrarre la Cessione dipendono da: Aziende Ospedaliere, Comuni, Regioni, Provincie, Aziende Municipalizzate, Aziende Gas, Acqua, Nettezza Urbana, Aziende Trasporti Pubblici, Poste Italiane Spa, Ferrovie Spa, Telecom Italia, Enel, Case di Cura, Consorzi, Istituti di Credito di Diritto Pubblico, Opere Pie, Ferrovie a Concessione Governativa.

I dipendenti PRIVATI che possono contrarre la Cessione dipendono da Aziende Spa e Srl che abbiano almeno 250 milioni di Capitale sociale e almeno 30 dipendenti.

Le principali caratteristiche del finanziamento ottenuto cedendo una quota del proprio stipendio sono le seguenti:

  • Il dipendente deve essere assunto stabilmente, di ruolo o con contratto a tempo indeterminato. Sono esclusi i dipendenti con nomine temporanee.
  • La rata mensile non può superare la 5^ parte della retribuzione.
  • Il prestito può essere rimborsato in un periodo che va da 2 a 10 anni.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

15-04-2019
Bpm colloca una obbligazione richiamabile ogni cinque anni con cedole semestrali delL'8,75%: le banche le emettono quando non riescono a fare aumenti di capitale
10-04-2019
Quando succede vi saranno meno euro in circolazione
08-04-2019
Qualcosa di profondamente irrazionale sta succedendo sui mercati obbligazionari e vedrà correzioni violente: questa la settimana forse decisiva per le sorti delle valute
04-04-2019
Secondo il Financial Time già forse a partire dalla prossima riunione del dieci, la BCE potrebbe annullare la tassa implicita che le banche pagano sui loro depositi presso l'istituto centrale. Poco meno di duecento miliardi di euro già depositati dal sistema bancario, che potrebbero aumentare con questa idea. La carenza di euro in circolazione aumenterebbe molto e dovrebbe senza indugio spingere l'euro al rialzo e scoraggiare le grandi fusioni bancarie
02-04-2019
Molte polemiche sulle previsioni di crescita diffuse da Oc se e Confindustria, ma sono addizioni e sottrazioni, non elucubrazioni